menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Prendo il furgone e faccio una strage", perseguita e minaccia di morte l'ex compagna: arrestato

L'uomo si trova in carcere: già in passato era stato condannato a 9 mesi di carcere per maltrattamenti ne confronti della donna, con la quale ha avuto due figli. La denuncia, presentata dalla ragazza, è del 19 marzo: l'arresto del 23 marzo.

Una relazione durata ben dieci anni, dalla quale sono nati due figli, che oggi hanno sei e dieci anni. La grave vicenda di violenze e stalking contro un giovane donna di Sorbolo, perpetrata dall'ex compagno e convivente di lei, un uomo residente a Mantova, ricalca episodi di violenza sempre più diffusi che, a volta, sfociano in femminicidi. In questo caso, grazie alla rapidità delle indagini e degli attori in campo, carabinieri e Magistratura, ciò non è avvenuto: l'uomo si trova attualmente rinchiuso nel carcere di Mantova. La storia è complessa: la relazione tra i due è nata nel 2006, più di dieci anni fa. Nel corso della relazione sono nati due bambini, che oggi hanno sei e dieci anni. I due decidono di convivere fin da subito ma la situazione non è rosa e fiori, come potrebbe sembrare dall'esterno: anni di violenze e sopraffazioni perpetrate contro di lei sono solo una parte della storia.

Quando nel 2016 la donna decide di interrompere la relazione si reca direttamente dai carabinieri per denunciare il compagno per maltrattamenti; descrive le botte, le minacce e l'autoritarismo del partner. Da quella denuncia nasce un processo a suo carico che finisce con una condanna a nove mesi di reclusione per maltrattamenti, pena sospesa. I rapporti tra i due proseguono solo per la presenza dei figli: nel gennaio del 2018 l'uomo, dopo aver saputo che la sua ex compagna frequenta un altro uomo, rimette in atto atteggiamenti violenti e minacciosi: manda numerosi messaggi anche su WhatsApp alla donna con minacce di morte: "Prendo il furgone e faccio una strage", "Non mi ferma nessuno: inizia a tremare". Oltre alle minacce ci sono anche gli appostamenti sotto casa. La donna decide di denunciarlo solo quando si trova la zanzariera di casa danneggiata: questo episodio contribuisce, insieme ad un aggravamento delle minacce, a farle prendere la decisione di denunciare l'uomo. La denuncia è del 19 marzo: l'arresto è del 23 marzo: l'uomo è stato fermato presso la sua abitazione per stalking e accompagnato nel carcere di Mantova, dove si trova attualmente. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Cronaca

    Bonaccini: "Se i contagi aumentano, pronti a chiudere le scuole"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento