Presentato alla stampa il Calendario storico dell'Arma dei Carabinieri

Percorse le tappe principali del bicentenario della nascita dell'Arma, dallo Stato unitario alla formazione della coscienza nazionale. La presentazione stamane alla stampa

È stato presentato alla stampa stamane nel corso di una conferenza stampa il Calendario Storico dell'Arma dei Carabinieri. Come ha spiegato il Comandante Provinciale dei Carabinieri Carlo Cerrina in occasione dell'avvicinarsi al bicentenario della nascita dell'Arma, sono state scelte alcune delle date maggiormente significative nella storia italiana. A partire dal momento in cui i Carabinieri diventano un punto di riferimento nella società, si ripercorrono tappe diverse, tra cui la repressione del brigantaggio, la partecipazione dell'Arma alla Terza Guerra d'Indipendenza nel 1866, l'arresto di Garibaldi per tre volte, la nascita dei Corazzieri a Firenze nel 1868, la prima cronaca della presa di Roma del 1870, gli aiuti forniti dai Carabinieri alla popolazione romana a seguito dello straripamento del Tevere nel 1870, la consegna del Tricolore da parte di Re Umberto I al Comandante della Legione Allievi Carabinieri nel 1894, la nascita dell'editoria dell'Arma nel 1872, sino alla nascita, nel 1862, delle Fanfare delle Legioni, "carabinieri musicanti" col caratteristico pennacchio bianco e rosso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: dopo Piacenza nuove restrizioni in arrivo anche a Parma

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, Venturi: "Sistema al collasso se a Parma i contagi non diminuiscono"

Torna su
ParmaToday è in caricamento