menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Animali in piazza nelle gabbie: sabato mattina presidio degli animalisti

Un presidio per opporsi alla manifestazione 'Come una volta' che prevede la presenza in piazza Garibaldi, dal 5 al 23 dicembre di alcuni animali tenuti all'interno di gabbie notte e giorno

Un presidio per opporsi alla manifestazione 'Come una volta' che prevede la presenza in piazza Garibaldi, dal 5 al 23 dicembre di alcuni animali tenuti all'interno di gabbie notte e giorno. Dopo il blitz dei giorni scorsi di alcuni animalisti, che hanno messo in luce le condizioni di sfruttamento degli animali, sabato mattina 19 dicembre si svolgerà un presidio in piazza a partire dalle ore 11. 

LA NOTA DEGLI ORGANIZZATORI - "Parma si sta vantando in questi giorni della sua tradizione gastronomica e di quanto questa amministrazione sia stata premiata per i propri meriti in tema ambientale. Vogliamo manifestare per ricordare che l'ambiente non si salva partecipando a grosse riunioni internazionali o semplicemente aumentando il riciclaggio, ma bisogna cambiare completamente il nostro stile di vita, partendo da un'alimentazione che esclude i prodotti di origine animale. Saremo presenti anche per opporci all'esposizione permanente di animali in piazza, tenuti per tutto il periodo (dal 5 al 23 dicembre ), notte e giorno, in situazione di forte stress (la struttura in cui si trovano non offre alcun riparo da freddo e intemperie, la temperatura all'interno è la stessa dell'esterno ), senza potersi muovere e in esposizione costante a folla e rumori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Ultime di Oggi
  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

  • Cronaca

    Covid: novanta nuovi casi e un decesso

  • Cronaca

    Covid: superate le 141 mila vaccinazioni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento