menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Primo Marzo: domani il corteo per i diritti dei migranti: "Mai più Cie"

Sabato Primo Marzo anche a Parma si terrà un corteo per i diritti dei migranti che partirà dalle ore 17 in piazza Garibaldi, promosso da Art Lab Occupato, Rete Diritti in Casa e Parmantifascista

Sabato Primo Marzo anche a Parma si terrà un corteo per i diritti dei migranti che partirà dalle ore 17 in piazza Garibaldi, promosso da Art Lab Occupato, Rete Diritti in Casa e Parmantifascista. Le parole d'ordine del corteo saranno 'Stop agli sfratti e alla speculazione edilizia', 'Mai più Cie'. Adesioni sono arrivate anche da parte di Usi, Unione Sindacale Italiana, gruppo anarchico Antonio Cieri/Fai, Rifondazione Comunista e Sel.

LA NOTA DEI PROMOTORI. La carta di Lampedusa afferma la Libertà di tutte e tutti di resistere a politiche tese a creare divisione, discriminazione, sfruttamento e precarietà degli essere umani, e che generano diseguaglianza e disparità.

Da molti anni le politiche comunitarie di governo dei flussi migratori, basate su percorsi di esclusione e confinamento dellamobilità, creano sui territori le condizioni favorevoli all’instaurarsi di fenomeni di discriminazione e sfruttamento. Questi fenomeni trovano terreno fertile nella crisi economica e finanziaria e vengono puntualmente cavalcati da movimenti razzisti e xenofobi in cerca di facili consensi.

La Carta di Lampedusa è il patto d’intenti costruito dal basso, frutto del confronto tra le diverse realtà di movimento e dell’associazionismo che in prima persona si occupano di migrazioni. Questo documento afferma che è indispensabile una radicale e tempestiva trasformazione dei rapporti sociali, economici, politici, culturali e giuridici, inoltre riconosce come indispensabile la costruzione di un’alternativa fondata sulla libertà e sulle possibilità di vita di tutte e tutti senza alcuna preclusione basata sulla nazionalità, cittadinanza e/o luogo di nascita.
A Parma, come in altre città, assistiamo quotidianamente a ripetuti attacchi al diritto stesso di esistere: alla povertà e all’emergenza sociale si risponde con sfratti, licenziamenti, sgomberi e con il diniego ad acquisire la residenza per chi, in condizione di conclamata necessità, si vede costretto ad occupare alloggi abbandonati per sopperire alle mancanze delle istituzioni che, intrappolate nella morsa dell’austerity, non possono garantire il sistema di welfare.

Parma è anche la sede di Pizzarotti S.p.A., costruttore della struttura del CARA di Mineo. Il CARA di Mineo, che dovrebbe essere un centro di accoglienza temporanea per i richiedenti asilo in attesa di valutazione, è in realtà una mega struttura segregazionista dove, in condizioni disumane, sono rinchiusi circa 4000 migranti, il doppio della sua capienza. Grazie all’istituzione del cara, il costruttore Parmense si è inserito in un sistema che garantisce introiti legati all’affitto multimilionario e al business della gestione del complesso-lager disperso nelle campagne siciliane. Introiti legati ai fondi stanziati per l’emergenza nord africa e che, sulla pelle dei migranti, ingrassano le tasche di chi specula sui territori e sui lavoratori  Questa logica assurda dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo e della discriminazione di stato non ci appartiene e non può essere assunta a principio fondante né dell’Europa, né di qualsivoglia società che si dica civile e si basi sul diritto. Solamente proponendo la solidarietà e l’organizzazione fra chi vive questa realtà e chi la vuole cambiare potremo costruire, dal basso, una società più giusta.

Il primo Marzo 2014, scenderemo in piazza come individui per affermare i principi della carta di Lampedusa; per rivendicare diritti inalienabili, che non dipendono dal colore della pelle, dal paese di nascita o dal possesso di un pezzo di carta; libertà di movimento per tutti, il diritto di scegliere e ricercare una vita migliore, il diritto ad un’accoglienza degna. I responsabili del degrado e della crisi sono coloro che speculano sulle nostre vite, che delocalizzano le produzioni, dimenticando ogni forma di responsabilità sociale d’impresa, che cavalcano il populismo e il razzismo, indicando nel “diverso” e nello “straniero” il nemico da combattere. Per questo ogni giorno ci opponiamo ai meccanismi della rendita sui beni essenziali, bloccando gli sfratti di chi, incolpevolmente, non può più pagare un affitto, occupando immobili tenuti sfitti in nome di assassine leggi di mercato, rivendicando reddito e dignità per tutti. Per questo siamo da sempre contro leggi vergognose come la Bossi-Fini e contro le formazioni politiche che la sostengono. Per questo denunciamo che i CIE siano lager, luoghi di sevizia e tortura dove, ogni giorno, muore il senso stesso di umanità e per questo chiediamo che vengano immediatamente chiusi. Per questo ci opponiamo ad ogni forma di razzismo, quotidiano e di stato". Artlab occupato, Rete Diritti in Casa, Parma Antifascista

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento