menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Privatizzazioni, assemblea pubblica allo Zerbini: 'Sono il problema, non la soluzione'

Sabato 22 febbraio al circolo Arci Zerbini di via Bixio si terrà l'incontro pubblico 'Le privatizzazioni non sono la soluzione, ma il problema' promosso dal collettivo Insurgent City. Sarà presente un lavoratore dell'Atm di Genova

Un'assemblea pubblica contro le privatizzazioni. Sabato 22 febbraio al circolo Arci Zerbini di via Bixio si terrà l'incontro pubblico 'Le privatizzazioni non sono la soluzione, ma il problema' promosso dal collettivo Insurgent City. L'assemblea verterà sulle privatizzazioni in corso a Parma con l'esperienza della Rete Diritti in Casa per la campagna contro i distacchi di luce e gas da parte della multiutility Iren, All'incontro interverrà un lavoratore dell'Atm di Genova, protagonista delle mobilitazioni degli addetti del trasporto pubblico e alcuni esponenti dell'associazione Contro Corrente di Genova sulle privatizzazioni e le partecipate del Comune di Genova. L'incontro sarà preceduto dalla proiezione, giovedì 20 febbraio alle ore 21 allo spazio Sovescio in via Bixio del documentario 'Catastroika, privatization goes pubblic'.

LA NOTA DEGLI ORGANIZZATORI. "La nostra città, così come molte altre realtà urbane del paese -si legge in una nota di Insurgent City- ha subito e continua a subire le conseguenze di un lungo processo di privatizzazioni e liberalizzazioni. La propaganda politica, da destra a sinistra, fa apparire la privatizzazione come l’unico strumento a disposizione per garantire una maggiore stabilità o l'adempimento delle richieste provenienti dall'Europa. Che servano a fare cassa o a limitare i costi del lavoro o di gestione, le privatizzazioni in realtà hanno portato ad un peggioramento delle condizioni dei lavoratori, già schiacciati dalla crisi economica e occupazionale, che vedono diventare un lusso ciò che fino a poco tempo prima era un servizio garantito. In questo modo, l’ente pubblico ha rinunciato alla sua funzione di erogatore di servizi per diventare il gestore di un “quasi mercato” che risponde solo a logiche di profitto e di riduzione dei fondi pubblici. In più, il controllo popolare sui servizi essenziali è stato completamente azzerato. Dal punto di vista lavorativo, i colossi che gestiscono le privatizzazioni, si chiamino essi Iren o Pro.Ges, tramite il sistema delle partecipate, hanno portato solamente ad un aumento dei costi delle utenze e ad un abbassamento dei salari per chi ci lavora dentro. Nonostante la retorica da “grande famiglia” e la facciata “casalinga” che utilizzano le partecipate per ammorbidire i lavoratori, esse sono multinazionali; il loro obbiettivo non ha nulla di “sociale”, ma significa soldi per loro e sfruttamento per noi. Chi paga i costi sociali di tutti questi processi è un solo unico soggetto, sia esso utente o lavoratore. Contro la riduzione dei diritti essenziali e dei salari va opposto un livello di conoscenza reciproca, un insieme di azioni e rapporti per tentare di invertire la direzione. In modo che a pagare il peso sociale di questo progetto di depredazione delle vite e dei territori siano finalmente i veri responsabili. Divisi dai mille contratti diversi conteremo sempre meno e saremo sempre più ricattabili. Occorre quindi tentare di unirsi perché chi tiene in mano i fili delle nostre vite, gestendo a proprio piacimento diritti essenziali e contratti da fame, specula sulla nostra frammentazione. Per fare questo, sarebbe già un primo passo utile abbandonare l’individualismo, condividere le proprie esperienze, iniziare a ri-conoscersi come lavoratori. Dobbiamo pretendere che casa, acqua, energia ed educazione ritornino ad essere pubblici, garantiti e sottoposti a controllo popolare". Collettivo Insurgent City

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Sport

    Ennesima rimonta, il Parma non sa più vincere: con lo Spezia finisce 2-2

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento