Parcheggio selvaggio in Piazzale Inzani: "Ciclosi non ci risponde"

Tante le auto parcheggiate nonostante i cartelli di divieto di sosta con rimozione forzata. Le lamentele di alcuni residenti: "Spesso costretti a posteggiare ovunque, sino a quando il parcheggio di via Kennedy non sarà pronto"

Parcheggi selvaggi in piazzale Inzani

Rimosso il plateatico della discordia, piazzale Inzani quasi ogni sera e, in particolare, nel fine settimana, si trasforma in un'area di parcheggio selvaggio, nonostante i cartelli di divieto di sosta con rimozione forzata. I residenti in alcuni casi hanno difficoltà ad accedere al posteggio sotterraneo condominiale a causa delle auto presenti. Tra chi posteggia in modo non idoneo molte persone che frequentano locali poco distanti che, stando fuori riescono facilmente a dare un'occhiata alla propria auto per spostarla nell'eventualità dell'arrivo dei vigili.

Ma sono anche alcuni residenti a lasciare l'auto in modo improprio, anche a causa dei ritardi nella realizzazione del parcheggio di via Kennedy. C'è chi ha comprato uno stallo, come racconta una residente, ma non avendo ancora la possibilità di utilizzarlo, è costretta a lasciare la macchina dove c'è spazio. Questo il motivo per le remore da parte di molti residenti a chiamare la Polizia Municipale per multare le auto in sosta vietata. "Non siamo cautelati come residenti, né dal punto di vista dei parcheggi, né per il baccano che comunque c'è, nonostante le battaglie portate avanti. Con quattro locali in cinquanta metri, di cui due che rimangono aperti sino a tardi, è inevitabile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È un discorso aperto, ma ci manca un referente politico per parlarne e cercare aiuto – commenta Claudio Cavazzini, ex rappresentante del disciolto Consiglio di quartiere Oltretorrente –. Tre mesi fa scrissi a Ciclosi per chiedere un appuntamento e parlare della situazione. Non ho mai ricevuto risposta. A chi ci si deve rivolgere? E poi si parla di Comune aperto".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

Torna su
ParmaToday è in caricamento