menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Felino, nuovi avvistamenti di processionaria: "Prestate la massima attenzione"

Continuano gli avvistamenti della processionaria sul territorio di Felino: oltre all'area di via Carroni, sono stati individuati nidi di processionaria sui pini in via Cerreto, via Venturini e nel parco di Casale

Continuano gli avvistamenti della processionaria sul territorio di Felino: oltre all’area di via Carroni, sono stati individuati nidi di processionaria sui pini in via Cerreto, via Venturini e nel parco di Casale oltre che in diverse aree private.

“Con i tecnici comunali abbiamo effettuato sopralluoghi nelle aree segnalate dai cittadini e abbiamo informato i  privati che hanno individuato larve di processionaria nelle loro proprietàsulle azioni da intraprendere nell’immediato e nei prossimi mesi “, spiega il Sindaco Elisa Leoni.

“Rimaniamo in costante contatto con il Consorzio Fitosanitario ma dal momento che in questo periodo dell’anno non è possibile effettuare interventi - aggiunge la Leoni - l’Amministrazione Comunale consiglia caldamente a tutti i cittadini di prestare la massima attenzione durante le passeggiate e in prossimità di aree verdi per evitare di venire a contatto con la processionaria”.

Con l’arrivo delle giornate più calde, infatti, le larve di processionaria fuoriescono dai nidi, nutrendosi e spostandosi in processione verso il basso. Questa fase del ciclo biologico della processionaria è la più critica dal punto di vista sanitario perché le larve, provviste di peli urticanti, possono arrecare fastidiosissimi eritemi cutanei, oculari e delle vie respiratorie a chi ne viene in contatto diretto o a causa della dispersione dei peli nell’ambiente.

 “L’asportazione dei nidi è un’operazione che si effettua in inverno mentre i trattamenti fitosanitari vengono realizzati in autunno: occorre pertanto attendere alcuni mesi prima di poter intervenire. Nei mesi autunnali il Comune effettuerà trattamenti nelle aree pubbliche a rischio ma per quanto riguarda i terreni privati ricordiamo che sono i proprietari a dover intervenire per eliminare nidi e larve dalle proprie piante” sottolinea il primo cittadino di Felino.

In generale, la procedura indicata è quella di controllare le piante nel periodo tra novembre e febbraio per verificare la presenza dei nidi sulla chioma e procedere alla loro rimozione, se presenti. Nella prima metà di giugno possono essere installate trappole a ferormoni mentre all’inizio dell’autunno è possibile effettuare trattamenti sulle piante infestate l’inverno precedente.

Qualora si trovassero larve di processionaria nella propria area privata, è possibile utilizzare insetticidi per impedirne la diffusione. Occorre, tuttavia, prestare molta attenzione alla rimozione delle larve e proteggersi completamente per evitare di venire a contatto o respirare la peluria che provoca pruriti ed eritemi. Per maggiori informazioni sui comportamenti da tenere, contattare il Consorzio Fitosanitario Provinciale di Parma al num. tel. 0521 292910.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma quasi 100 casi ma ci sono 7 decessi

  • Cronaca

    Vendeva cocaina in strada, arrestato nigeriano

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento