Processo Ospedale Vecchio, il prof. Quintavalle presenta l'analisi storico-critica: udienza il 15 ottobre

Il prof. Quintavalle, che doveva essere ascoltato come testimone, ha prodotto la documentazione sull'analisi storico-critica stilata tra il 2005 e il 2006 e poi inoltrata al comitato tecnico-scientifico del Ministero per le Attività e i Beni Culturali

Si è conclusa in breve tempo l'udienza sul processo riguardo il project financing dell'Ospedale Vecchio, nel corso della quale doveva essere ascoltato come testimone il prof Carlo Arturo Quintavalle, responsabile scientifico per la stesura del documento di analisi storico-critica sulla struttura. Il documento era stato richiesto nel 2005 dall'allora amministrazione comunale all'Università di Parma. L'analisi terminò nel gennaio 2006 e, nello stesso mese, fu inoltrata al comitato tecnico-scientifico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che nel marzo 2005 aveva visionato il progetto preliminare per l'Ospedale Vecchio. Il documento, composto da 4 cd è stato prodotto agli atti, mentre l'accusa ha rinunciato ad ascoltare il testimone, vista l'acquisizione del materiale. La prossima udienza si terrà il 15 ottobre 2015.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Tragedia: 25enne muore in ospedale 18 mesi dopo l'incidente

Torna su
ParmaToday è in caricamento