Baby squillo, chiesti 4 anni e 10 mesi per l'avvocato Mingori

Pesante richiesta della Pm per l'ex-difensore di Franco Livraga Pillizzotti, condannato nel 2008 a 15 anni di carcere nell'ambito dell'inchiesta sulla prostituzione minorile

E' pesante la richiesta di condanna della Pm Paola Reggiani nei confronti dell'avvocato Paolo Mingori, denunciato e processato con l'accusa di aver aiutato in vari modi un suo cliente. Chiesti 4 anni e 10 mesi per l'ex-difensiore di Franco Livraga Pillizzotti, già condannato nel 2008 a 15 anni di carcere per violenza sessuale di gruppo, favoreggiamento della prostituzione ed altri reati connessi al giro di baby squillo che fu scoperchiato a Parma dagli inquirenti qualche anno fa.

Le accuse a carico dell'avvocato sono falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale, favoreggiamento, millantato credito. Secondo l'accusa avrebbe anche diffuso alla stampa alcuni filmati delle vittime del suo cliente. Avrebbe inoltre avvisato gli indagati dell'inchiesta che avevano i telefoni sotto controllo, arrivando addirittura ad un tentativo di accordo con alcuni testimoni per una versione falsa dei fatti oggetto d'indagine. La sentenza è prevista per il mese di settembre.

L'INTERVENTO DELL'IMPUTATO
In merito alla notizia l'avvocato Paolo Mingori ha scritto alla nostra redazione il seguente commento:

"L'articolo apparso oggi sul suo giornale on-line sulla richiesta di condanna della mia persona da parte del P.M. lo ritengo oltre che diffamatorio disgustoso e privo di ogni rispetto ai doveri di contezza, veridicità e complettezza che ogni giornalista che possa dirsi tale è chiamato a rispettare. In primis l'articolo risulta essere solo la cassa di risonanza dell'accusa e ben si guarda dal fornire al lettore anche la posizione della difesa che merita altrettanta attenzione nel rispetto della presunzione di innocenza. Nel caso di specie si dovrebbe allora aggiungere che l'avv. Corsi ha smontato pezzo per pezzo le accuse del P.M. chiedendo la mia assoluzione da tutti i capi di imputazione perché il fatto non sussiste o non cosituisce reato.
Infine il titolo diffamatorio, io non ho nulla a che fare con il processo "Baby squillo" termine orribile cognato da stampa di provincia e poco rispettoso persino della vittime dei reati che furono ascritti al mio ex assistito. E come sempre si fa un tutt'uno fra Livraga ed il sottoscritto che ritiene di aver invece operato nella legalità e di essere vittima di una esagerata discriminazione da parte della procura".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento