Procura, Gerardo Laguardia va in pensione a maggio. Eredità scottante

Cambio al vertice, il Consiglio Superiore della Magistratura ha indetto il concorso per individuare il successore. La querelle dell'inceneritore è ancora aperta, così come le inchieste per l'Ospedale Vecchio

Cambio al vertice della Procura di Parma. Gerardo Laguardia va in pensione e lascia l'incarico. Il giorno stabilito per il suo addio è il 16 maggio 2013. Il Consiglio Superiore della Magistratura ha indetto il concorso per coprire il ruolo che sarà vacante. Le domande possono essere presentate entro il 21 gennaio 2013. I fronti aperti alla Procura di Parma sono molteplici e Gerardo Laguardia lascerà al suo successore una serie di inchieste scottanti, a partire dalla querelle dell'inceneritore.

La richiesta di sequestro del cantiere di Ugozzolo, fatta dalla Procura di Parma, è stata bocciata in più occasioni. Ora manca solo la decisione della Corte di Cassazione, a cui Laguardia si è rivolto dopo la bocciatura da parte del Tribunale del Riesame. Durante il periodo della tangentopoli parmigiana dell'estate 2011 ci ricordiamo i continui attacchi nei suoi confronti del senatore del Pdl Berselli, che ne ha chiesto più volte l'allontanamento. Laguardia ha gestito le indagini del rapimento l'omicidio del piccolo Tommy, il caso più eclatante di cronaca nera degli ultimi anni a Parma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Viola il coprifuoco per andare a trovare la fidanzata: giovane multato per 400 euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento