Progetto Genitorialità, Paci: "Uno strumento utile per 4500 famiglie"

Il progetto è giunto al suo 7°anno di attività con consulenze educative, laboratori con i bambini e i laboratori in fattoria. Andreoli: "Spesso i genitori incontrano difficoltà che richiedono un occhio esterno con competenze diverse da quelle educative"

Si rinnova anche quest'anno il progetto genitorialità ideato dal settore educativo del Comune Nidi e scuole per l'infanzia con il centro studi ParmaInfanzia. Tra gli obiettivi di un progetto giunto al suo settimo anno, quello di fornire un aiuto concreto alle famiglie di Parma con momenti di confronto e condivisioni sui diversi aspetti dell'educazione, anche attraverso laboratori e iniziative che hanno preso forme diverse nel corso degli anni. Sono circa 4500 le famiglie a Parma coinvolte nell'iniziativa e le liste d'attesa per poter usufruire dei servizi sono particolarmente indicative dell'importanza dei servizi offerti e del riferimento per i genitori, ha sottolineato nel corso di un incontro con la stampa la vicesindaco Nicoletta Paci. Tra i punti di forza del progetto, ha spiegato Elisabetta Andreoli, responsabile servizio nidi d'infanzia, le consulenze educative, con lo scopo di fornire un sostegno psicologico riguardo la relazione adulti-bambini. Le consulenze sono rivolte ai genitori di bambini dai 4 mesi ai 6 anni, permettono di fornire una chiave di comprensione sui comportamenti dei bambini e sulle dinamiche di relazione. Uno strumento utile non solo per i genitori ma anche per gli insegnanti che si trovano in un periodo critico e necessitano un aiuto per superare incertezze nel rapporto con gli alunni. "Spesso si incontrano difficoltà che richiedono l'aiuto di un occhio esterno con competenze diverse da quelle educative", sottolinea Andreoli.

Oltre alle consulenze educative, il progetto genitorialità ha sviluppato negli anni una serie di laboratori ludici, con iniziative che coinvolgono anche i genitori, con giochi creativi, sperimentazione scientifica e riciclo di materiali. "Ormai è un progetto consolidato nel tempo, con un'alta partecipazione dei genitori. Cerchiamo di dare risposte mirate a seconda delle diverse richieste, basandoci anche da quanto emerso di anno in anno attraverso i questionari che facciamo compilare ai genitori", sottolinea Rossana Allegri, responsabile servizio scuole infanzia. Tra le associazioni che collaborano con il progetto, Circolar-mente ha ideato una serie di laboratori mirati in particolar modo alle attività motorie, a cui i genitori sono invitati a partecipare insieme ai figli. "In quell'ora i genitori riescono a rivivere in piccolo quei rituali che i loro figli vivono nel corso della giornata nella stessa struttura. Inoltre, condividere laboratori di riciclo di materiali, come la carta, permette ai genitori di riproporre quegli stessi giochi anche a casa, si tratta di iniziative che rafforzano la condivisione di esperienze tra genitori e figli", spiega Albert Horvath, associazione Cicolarmente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le novità che hanno riscosso particolarmente successo anche i laboratori in fattoria, momenti di gioco per i bambini ma anche per i loro genitori, per apprendere le attività contadine del territorio con gli stimoli offerti dall'ambiente naturale. Laboratori diversi cambiati nel corso degli anni, come il laboratorio musicale ora sostituito da quello scientifico, curato dall'associazione Googol. A causa della necessità di riduzione delle spese, alcune iniziative sono state cancellate, come Genitori al cinema, in favore di altre ritenute maggiormente utili ai fini del progetto, ha spiegato Andreoli. Un dato significativo la presenza anche di numerose famiglie straniere che hanno aderito al progetto genitorialità, con una prevalenza, secondo i dati raccolti da ParmaInfanzia, di famiglie originarie dell'Europa dell'Est. "Si tratta di un progetto che permette non solo ai genitori di rafforzare il proprio rapporto con i figli anche attraverso il gioco – sottolinea Francesca Gavazzoli, responsabile centro studi ParmaInfanzia -, ma di conoscere anche altre famiglie con cui interagire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Nuovo Dpcm entro il 9 novembre: stretta sulla attività commerciali e gli spostamenti interregionali

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento