menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Boom di accessi al Pronto Soccorso: più di 300 al giorno

Ieri, lunedì 30 gennaio 371 persone si sono rivolte alla struttura sanitaria: in media ci sono 40 ricoveri al giorno. Ecco come l'Azienda Ospedaliero Universitaria sta intervenendo: nuovi posti letto e assunzione di personale

Ieri, lunedì 30 gennaio, sono state 371 le persone che si sono rivolte al Pronto Soccorso di Parma, per l'influenza e altri mali di stagione. In media, negli ultimi giorni, gli accessi hanno superato i 300: domenica 29 gennaio sono stati 347 mentre sabato 28 gennaio sono stati 346. In media i ricoveri sono circa 40 al giorno.

Influenza e temperature rigide non danno tregua ai parmigiani. Anche questa settimana sono state in media oltre 300 al giorno le persone che si sono rivolte al Pronto soccorso dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma soprattutto per i mali di stagione. A esserne maggiormente colpite le persone anziane, quelle affette da patologie croniche e i bambini. Solo nell'ultima settimana sono stati oltre 400 i pazienti ricoverati nei reparti internistici e pediatrici del Maggiore, con una media che si aggira sui 40 ricoveri giornalieri. Una situazione gestita dalla direzione dell’Azienda Ospedaliera con misure organizzative, cliniche e assistenziali che hanno portato a soddisfare le richieste di cure dei cittadini, grazie all'impegno di tutti gli operatori sanitari che hanno dato, anche in questa occasione, la loro immediata disponibilità. Proprio ieri la direzione sanitaria ha attivato 16 nuovi posti letto, posti che si aggiungono ai 480 letti internistici già presenti, rafforzando anche la collaborazione con l’Azienda Usl per gli ospedali di Vaio e Borgotaro e le strutture del privato accreditato. Importanti le misure adottate sul fronte degli organici con l’aumento del personale assistenziale in turno, l’assunzione, recentemente deliberata, di 7 infermieri, l’indizione del concorso a tempo indeterminato per implementare l’organico medico. Da domani inoltre prenderà avvio una collaborazione con la Croce Rossa e l’Assistenza pubblica per ridurre le attese dei pazienti nel percorso di dimissione verso il proprio domicilio e, sempre per domani, è infine previsto un incontro tra il personale dell'emergenza, la direzione sanitaria e assistenziale per verificare l’efficacia delle misure adottate. Per affrontare al meglio i sintomi e gli effetti dei malanni di stagione rimane ovviamente centrale sul territorio il ruolo delle Case della salute, dei medici e dei pediatri di famiglia, preziosi alleati per evitare una corsa impropria al Pronto soccorso e garantire, nel contempo, l’efficacia delle cure.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento