Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Proteste, gli studenti di Parma a 'L'aria che tira' di La7

Due giovani di Anomalia Parma, Adele Marri e Jacopo Bergamo, sono stati ospitati dalla trasmissione di Myrta Merlino per parlare della situazione dell'Università. Battibecco con Beppe Severgnini. Stasera ospiti di Servizio Pubblico

Alla trasmissione di La7 'L'aria che tira' di Myrta Merlino si torna a parlare di Parma. Nella trasmissione andata in onda ieri sera, 21 novembre, infatti si è parlato delle proteste a Parma contro il Ministro Corrado Clini che ha inaugurato l'anno accademico. Con l'Università blindata e l'accesso negato agli studenti che volevano assistere all'incontro. Adele Marri, la ragazza del video che sta girando sul Web e Jacopo Bergamo di Anomalia Parma infatti sono stati ospiti in studio ed hanno potuto esporre il proprio punto di vista. Tra gli ospiti presenti in trasmissione Beppe Severgnini, Antonio Paris, Tommaso Labate, Giorgio Chiesa. Jacopo Bergamo e Adele Marri stasera parteciperanno a Servizio Pubblico.

                                                         IL VIDEO

"La giornata del 14 novembre -ha detto Adele- non è stata chiusa solo all'Italia, ma anche nel resto d'Europa. La manifestazione è stata bella e partecipata, non abbiamo assistito alla violenze delle altre città. Non si può ricondurre tutto alla radicalità di qualche corteo". "Quelli scatti di rabbia sono stati scatti di dignità, il vero problema è che da più di 20 anni c'è un classe politica che non è disposta ad ascoltare le voci della piazza". Battibecco con Beppe Severgnini: "E' giusto o sbagliato che le persone vanno in piazza con il casco, il manganello e lo scudo?" "E' giusto difendersi -risponde Jacopo- dalla violenza del potere, ci toccano il lavoro e la dignità. Chi spacca una vetrina prende 10 anni di carcere, chi ha spaccato teste non ha ancora un numero di identificazione".

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proteste, gli studenti di Parma a 'L'aria che tira' di La7

ParmaToday è in caricamento