menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La protesta dei genitori a giugno davanti alla Millecolori

La protesta dei genitori a giugno davanti alla Millecolori

Asilo Millecolori, genitori infuriati: "Sembra un laboratorio di analisi"

Ambiente triste, meno personale, insegnanti che si occupano anche delle pulizie, assenza di attività al di fuori del gioco: i genitori si lamentano della nuova gestione di Parma ZeroSei

La gestione attuale di "Millecolori", "Primavera" e "Albero Parlante", genera insoddisfazione secondo quanto riferito da molti genitori di bambini che frequentano i centri. Ad attirare maggiore malcontento la situazione del "Millecolori". "Un'organizzazione totalmente diversa rispetto a prima. Nonostante l'ex assessore Bernini avesse usato parole rassicuranti durante l'incontro al cinema Astra, nel garantirci che non sarebbe cambiato nulla per i bambini, le differenze ci sono eccome!", afferma stizzito un genitore.

A destare particolari critiche l'abbassamento del numero del personale rispetto alla precedente gestione. "Devo lasciare il mio piccolo in lacrime – afferma la madre di un bambino del Millecolori – a un'insegnante che da sola ne deve gestire una decina, in silenzio in una stanza vuota. In due al mattino per gestirne una ventina. Invece prima, c'erano ben tre figure, due insegnanti e un esecutore, che lo accoglievano a braccia aperte, con la musica e tavoli già pronti con i giochi da fare. C'era un operatore per il momento del sonno, uno per il momento del pasto".

"C'era anche una figura che si occupava di accogliere i bambini all'ingresso, presente anche all'uscita per controllare che non ci fossero problemi, come, magari, un bambino che sulla porta sfugge al controllo della madre. Ora hanno risolto il problema in modo molto semplice: mettendo una maniglia più dura, difficile da aprire anche dagli adulti. E' bastato stringere i tamburi per sostituire una figura che nei due momenti della giornata era importante, creando anche disagio a quelle mamme che, arrivando con il passeggino, non riescono ad aprire la porta".
Altra questione sollevata la didattica. A detta di molti genitori, i bambini stessi riferirebbero di passare il tempo unicamente a giocare, senza svolgere attività collettive come la realizzazione di cartelloni, il disegno di gruppo. Nessun tipo di programmazione, di attività al di fuori del gioco, momento affidato, nella precedente gestione, unicamente alle ultime ore della mattinata, solo dopo aver svolto attività pianificate.

"Sono in pochi e li abbiamo anche visti fare pulizie. Questi non sarebbero cambiamenti?", sottolinea infuriata una madre nel porre l'accento su una situazione, aggravata da un numero inferiore di operatori, che influirebbe sull'assenza di programmazione di attività per i bambini e di maggiori difficoltà di gestione. "È un ambiente triste – afferma una madre –, sembra un laboratorio d'analisi! Non ci sono poster appesi alle pareti, quasi non ci sono giochi. Prima la scuola la sentivamo un po' anche come nostra, ma ormai è un po' come entrare in casa propria e trovare degli estranei".
A seguito delle numerose lamentele arrivate anzitutto dai genitori del Millecolori, e confermate anche da altri genitori, si è svolto un incontro tra gli insegnanti della cooperativa e il vecchio personale, per capire le criticità e cercare di trovare punti comuni per il bene dei bambini. Nonostante ciò, a detta di alcune madri, la situazione non è cambiata. "Attendiamo gli incontri di sezione per esprimere il nostro dissenso", annuncia uno dei genitori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

  • Attualità

    Mercateinfiera rinnova l'appuntamento ad ottobre 2021

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento