Provenzano, condizioni peggiorate: il Tribunale di Bologna respinge l'istanza di scarcerazione

Il legale del boss Rosalba Di Gregorio aveva chiesto al Guardasigilli la revoca del regime di 41 bis e al tribunale di sorveglianza di Bologna la sospensione dell'esecuzione della pena

Sono ulteriormente peggiorate le condizioni di salute del boss Bernardo Provenzano, ricoverato nel reparto detenuti dell'ospedale di Parma dagli inizi di giugno. Secondo il bollettino medico il capomafia e' ''vigile solo se stimolato. Il suo eloquio non e' comprensibile, quando e' presente''. Provenzano, inoltre, e' ''ipocinetico e ha presentato alterazioni dello stato di coscienza con parametri vitali ai limiti''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il legale del boss Rosalba Di Gregorio, ha sollecitato al Guardasigilli la revoca del regime di 41 bis al quale Provenzano è ancora sottoposto e al tribunale di sorveglianza di Bologna la sospensione dell'esecuzione della pena. Entrambe le istanze sono state respinte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento