Provenzano, no del Tribunale di Bologna alla sospensione della pena

Il tribunale di sorveglianza di Bologna ha respinto l'istanza per motivi di salute, per il capomafia. "Non si comprende di quali cure possa beneficiare all'esterno che non gli vengano assicurate in ambiente carcerario"

Il tribunale di sorveglianza di Bologna ha respinto l'istanza di sospensione dell'esecuzione della pena, per motivi di salute, per il capomafia Bernardo Provenzano. A presentare l'istanza sono stati i legali del boss Franco Marasà e Rosalba Di Gregorio

La situazione sanitaria e clinica del detenuto - scrivono i giudici - non integra i presupposti di legge né per il differimento di pena obbligatorio, né di quello facoltativo": per il collegio la sospensione della pena è ipotizzabile quando le condizioni di salute del detenuto sono tali da richiedere cure e trattamenti indispensabili non praticabili né in carcere, né in ospedali civili o altri luoghi di cura.

"Provenzano - si legge nel provvedimento - è stato ed è tuttora sottoposto a visite, accertamenti clinici e interventi chirurgici in ambiente carcerario e, se del caso, anche in luogo esterno di cura presso il locale ospedale e, quindi, in una struttura sanitaria altamente specializzata e, quando si è reso necessario anche per un tempo prolungato. Nel momento in cui le esigenze di ricovero sono venute meni, è stato dimesso". La vicinanza con l'ospedale di Parma, poi, secondo i giudici consentono ricoveri anche d'urgenza. "Quindi - concludono - non si comprende di quali cure possa beneficiare all'esterno che non gli vengano assicurate in ambiente carcerario".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico scontro frontale tra auto e furgone a Parola: muore un 37enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Tra mercatini di Natale, teatri, concerti e vin brulè: ricchissimo week end di dicembre

  • Choc a Langhirano: 59enne muore travolta da un'auto mentre va a prendere la corriera

  • Muore bimbo di 18 mesi: madre accusata di omicidio preterintenzionale

  • Polizia Locale: ecco la nuova tecnologia video installata sulle auto per un controllo a 360 gradi

Torna su
ParmaToday è in caricamento