Provenzano, i legali chiedono la sospensione della pena

I legali del boss Bernardo Provenzano, Rosalba Di Gregorio e Franco Marasà, hanno chiesto al tribunale di sorveglianza di Bologna la sospensione dell'esecuzione della pena

I legali del boss Bernardo Provenzano, Rosalba Di Gregorio e Franco Marasà, hanno chiesto al tribunale di sorveglianza di Bologna la sospensione dell'esecuzione della pena per il loro assistito per motivi di salute. Provenzano, che dal 7 giugno è di nuovo ricoverato all' ospedale di Parma, oltre ad essere affetto da deficit cognitivo soffre di diverse patologie. La precedente istanza di sospensione della pena è stata rigettata: per i giudici "le condizioni di grave infermità fisica del detenuto" sarebbero fronteggiabili in ambiente carcerario.

"Poiché Provenzano è ricoverato perché affetto da un'infezione la cui eziologia è ignota, poiché le patologie hanno diminuito le sue difese immunitarie e l'ambiente carcerario non sterile ha portato all'insorgenza dell'infezione", i legali hanno chiesto la sospensione della pena "riservandosi ogni azione legale volta all'accertamento della responsabilità di chi ha disposto il suo rientro in carcere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La psicosi della banda armata di spranghe: ma è solo una fake social

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • "Fascista di m... ti prendo a schiaffi": candidata della Lega aggredita e minacciata a Sissa

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

Torna su
ParmaToday è in caricamento