Provenzano, i legali chiedono la sospensione della pena

I legali del boss Bernardo Provenzano, Rosalba Di Gregorio e Franco Marasà, hanno chiesto al tribunale di sorveglianza di Bologna la sospensione dell'esecuzione della pena

I legali del boss Bernardo Provenzano, Rosalba Di Gregorio e Franco Marasà, hanno chiesto al tribunale di sorveglianza di Bologna la sospensione dell'esecuzione della pena per il loro assistito per motivi di salute. Provenzano, che dal 7 giugno è di nuovo ricoverato all' ospedale di Parma, oltre ad essere affetto da deficit cognitivo soffre di diverse patologie. La precedente istanza di sospensione della pena è stata rigettata: per i giudici "le condizioni di grave infermità fisica del detenuto" sarebbero fronteggiabili in ambiente carcerario.

"Poiché Provenzano è ricoverato perché affetto da un'infezione la cui eziologia è ignota, poiché le patologie hanno diminuito le sue difese immunitarie e l'ambiente carcerario non sterile ha portato all'insorgenza dell'infezione", i legali hanno chiesto la sospensione della pena "riservandosi ogni azione legale volta all'accertamento della responsabilità di chi ha disposto il suo rientro in carcere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Tragico scontro frontale tra auto e furgone a Parola: muore un 37enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Tra mercatini di Natale, teatri, concerti e vin brulè: ricchissimo week end di dicembre

  • Blitz in casa di un commerciante 46enne: in cantina 23 chili di hashish nascosti tra le bottiglie di vino

Torna su
ParmaToday è in caricamento