La Provincia si mobilita per la liberazione delle 200 ragazze rapite in Nigeria

#BrigBackOurGirls. Anche le lavoratrici della Provincia di Parma si sono unite con una foto al grido corale proveniente da tante parti del mondo per la liberazione delle 200 ragazze rapite da una scuola nel nord della Nigeria il 14 aprile scorso

#BrigBackOurGirls. Anche le lavoratrici della Provincia di Parma si sono unite con una foto al grido corale proveniente da tante parti del mondo per la liberazione delle 200 ragazze rapite da una scuola nel nord della Nigeria il 14 aprile scorso.
La campagna è partita sui social network dalla studentessa pachistana Malala Yousafzai, vittima della violenza fondamentalista e icona della lotta contro di loro, che ha chiamato “sorelle” le oltre duecento ragazze rapite in Nigeria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sotto l’hashtag #Bringbackourgirls, Portate a casa le nostre ragazze, milioni di persone si stanno mobilitando in loro favore, migliaia le manifestazioni. Condividevano il senso di questo gesto l’assessore provinciale alle Politiche sociali Marcella Saccani ha invitato le lavoratrici della Provincia di Parma a prestare il loro volto per una fotografia scattata oggi davanti alla sede dell’ente con il cartello “Bringbackourgirls”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Parma, ipotesi Longo come nuovo Ceo

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento