Cronaca Centro / Piazza della Pace

Pugni a un carabiniere, arrestato ancora pusher che aggredì un cinese

L'uomo, un tunisino di 26 anni, è stato sorpreso con 15 grammi di hashish. Aveva partecipato al raid contro il boxista cinese in Pilotta il 5 marzo scorso, ma era stato subito scarcerato

La roba sequestrata

Era stato arrestato soltanto tre settimane fa, dopo aver rapinato - insieme ad altri due complici - un commerciante cinese che ha un box in Pilotta, puntandogli alla gola un coltello da 22 centimetri. Condannato a 2 anni di reclusione e 6mila euro di multa, era uscito il giorno dopo dal carcere perchè la pena era stata sospesa. E lui non ci ha pensato due volte a rimettersi sulla strada che aveva lasciato. Così nella giornata di giovedì, durante un controllo svolto da un carabiniere accompagnato da due militari, Elmi Mejri, tunisino di 26 anni, ha dapprima dichiarato false generalità e poi all'improvviso ha sferrato un pugno al volto del carabiniere dandosi alla fuga. Inseguito e fermato, prima di essere immobilizzato, si è disfatto di 8 dosi di hashish per complessivi 15 grammi. E' stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, e falsa attestazione sulla propria identità. Il carabiniere è stato giudicato guaribile in dieci giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pugni a un carabiniere, arrestato ancora pusher che aggredì un cinese

ParmaToday è in caricamento