Quoziente Parma cancellato? Libè: "Pizzarotti non ha scuse"

"Il mantenimento del Quoziente Parma è stato un impegno assunto da tutte le forze politiche. Se Pizzarotti, che aveva dichiarato che non lo avrebbe toccato, ha cambiato idea se ne assuma la responsabilità"

"Il mantenimento del Quoziente Parma è stato un impegno assunto all'unanimità da tutte le forze politiche che hanno corso per la poltrona di sindaco della città. L'Udc ribadisce quanto già sostenuto nei mesi scorsi, ovvero che le politiche per la famiglia devono essere al centro dell'agenda dell'amministrazione comunale indipendentemente dal colore della maglia. Ora che quella poltrona è occupata non da un commissario straordinario, ma da chi rappresenta la maggioranza dei cittadini-elettori parmensi, non ci sono scuse. Se Pizzarotti, che aveva dichiarato che non avrebbe toccato il quoziente, ha cambiato idea se ne assuma la responsabilità".

Lo dichiara il deputato dell'Udc Mauro Libè. "Il quoziente familiare è una misura di equità - sottolinea l'esponente centrista -, uno strumento ad hoc per modulare l'impatto fiscale delle tariffe in base al reddito e ai carichi familiari, ma soprattutto il riconoscimento del ruolo e del valore sociale della famiglia, che proprio a Parma è divenuto un modello di portata nazionale, tant'è vero che molte altre amministrazioni comunali lo hanno adottato".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione: ecco quando ci si può spostare da un comune all'altro per fare spesa

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

  • Nuove chiusure e una 'finestra' per i regali: ecco come sarà il Natale parmigiano

  • Covid, netto calo dei positivi. Stabili le intensive, quattro i decessi

Torna su
ParmaToday è in caricamento