Differenziata, 6 mila persone non hanno ritirato i kit: sanzioni in arrivo dopo il 30 settembre

Entro la fine di quest’anno Parma sarà dotata di un servizio integrale di raccolta rifiuti porta a porta. Ad oggi, però, mancano all’appello circa 6 mila utenti che non hanno ritirato il kit nonostante il passaggio, avvenuto fino a tre volte

Entro la fine di quest’anno Parma sarà dotata di un servizio integrale di raccolta rifiuti porta a porta. Ad oggi, però, mancano all’appello circa 6 mila utenti che non hanno ritirato il kit nonostante il passaggio, avvenuto fino a tre volte, degli incaricati Iren dalla loro abitazione e nonostante che in ogni quartiere siano stati attivati Punti Informativi ad hoc per almeno tre mesi dopo l’attivazione delle nuove modalità di raccolta. I Punti Informativi erano stati pensati proprio per consegnare il materiale a coloro che non erano stati trovati a casa. Nei prossimi giorni verrà recapitata ai 6 mila utenti una lettera a firma dell’assessore all’ambiente Gabriele Folli in cui si forniscono tutte le indicazioni per ovviare a questa situazione. Il Centro di distribuzione di via Lazio, aperto il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10 alle 13, il giovedì dalle 15 alle 18 e il sabato dalle 9 alle 13, provvederà alla fornitura di tutto il materiale necessario per gestire i rifiuti prodotti dalle famiglie.

La raccolta differenziata infatti è un obbligo di legge e non essere in possesso delle dotazioni necessarie per effettuarla (sacchi gialli per plastica e barattolame, sacchetti in mater-bi e bidoncini per l’umido, mastello con microchip o sacco bianco per l’indifferenziato) si tramuta automaticamente nell’impossibilità per gli utenti a conferire correttamente i rifiuti prodotti. C’è tempo fino al 30 settembre per non incorrere in sanzioni. Dopo di che, verrà avviato un procedimento amministrativo volto ad emettere la corrispondente sanzione prevista dal Regolamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani (approvato con delibera dell’Assemblea Autorità d’Ambito di Parma il 29/11/10. https://www.comune.parma.it/comune/Amministrazione-Trasparente/Informazioni-ambientali_m23.aspx ).

Ogni infrazione accertata può variare da un minimo di 30 euro ed un massimo di 500 euro. Per maggiori informazioni i diretti interessati possono contattare Iren Ambiente al numero verde 800.212607, o inviare una mail a: ambiente.pr@gruppoiren.it. Il nuovo sistema di raccolta differenziata ha permesso di raggiungere risultati eccellenti, a maggio si è arrivati al 70% il che, come ha sottolineato l’assessore all’ambiente Gabriele Folli, permetterà una riduzione di circa 14 mila tonnellate di rifiuti ad incenerimento per il 2014 con contestuale riduzione dei costi. Allegato alla lettera si trova anche un piccolo vademecum che ripercorre le principali novità legate all’introduzione della raccolta differenziata porta a porta, indicando le tipologie di contenitori, di rifiuti e la frequenza di raccolta.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento