menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rifiuti non differenziati in piazzale San Bartolomeo

Rifiuti non differenziati in piazzale San Bartolomeo

Differenziata, in 30mila non separano l'organico. Gcr: "Età della pietra"

L'associazione denuncia la situazione all'interno del centro storico di Parma dove Iren non ha mai cominciato la raccolta dell'organico. Problemi di spazio o decoro? Eppure, se ci riescono a Roma...

"Il Comune di Parma è colpevolmente in ritardo sulla raccolta differenziata come abbiamo avuto più volte modo di evidenziare. Il porta a porta spinto è partito con difficoltà nel quartiere Cittadella, anche per la poca convinzione delle precedente amministrazione nel promuovere questo sistema di raccolta, ormai definito universalmente il migliore metodo per l’intercettazione ed il riciclo dei materiali". Esordisce così l'associazione Gestione Corretta Rifiuti in una nota sulla situazione della raccolta differenziata nella città ducale.

"Abbiamo poi più volte citato - continua la Gcr - il caso emblematico degli ortofrutta di piazzale  San Bartolomeo, dove dopo i roboanti annunci dell’ex assessore Sassi e Iren, nell’agosto 2010, siamo tornati per ben 10 volte sul luogo dello sperpero, per verificare, ahinoi, che la raccolta differenziata di plastica, legno e cartone viene completamente disattesa".

E in riferimento alla raccolta dell’organico, l'associazione scrive: "Esiste a Parma una terra di nessuno dove non si è nemmeno iniziato, ad effettuare la raccolta. Un non-luogo abitato da quasi 30.000 persone, rimasto all’età della pietra per quanto riguarda la gestione dei rifiuti urbani.
Stiamo parlando ovviamente del centro storico della città, dove, sempre per bocca dell’ex assessore Sassi e dei tecnici di Iren, sembrerebbe impossibile effettuare una raccolta di qualità. Troppo strette le strade e i borghi, troppi i vincoli che impediscono di procedere ad una raccolta che non pregiudichi il decoro delle strade del centro.

Per un po’ abbiamo preso per buona anche noi questa giustificazione, sempre rimuginando sul fatto che Parma non è l’unica città italiana ad avere un centro storico, e che forse basterebbe andare a vedere cosa fanno gli altri, per capire quali sono le soluzioni da adottare.
In effetti è stato così e nel corso di una breve vacanza a Roma, uno di Gcr si è imbattuto in un oggetto non identificato, nel centro della città eterna.

Quello che vedete nella foto è infatti un bidone per la raccolta dell’organico fotografato in via Giulia, pieno centro storico, a due passi da Campo dei Fiori e da Palazzo Farnese, dove Michelangelo progettò i giardini ed il famoso Arco che caratterizza la via voluta da papa Giulio II".

"Ma come - si chiede l'associazione - nella città con la più alta concentrazione di beni storici e architettonici al mondo, la prima grande metropoli dell'umanità, la capitale dell’impero romano dove non puoi smuovere un cubetto di porfido senza che trovi un reperto storico sono riusciti a fare la raccolta dei rifiuti organici nel centro storico?
Ebbene sì. A Roma AMA, l’azienda municipalizzata locale, passa 3 volte alla settimana in via Giulia a raccogliere gli scarti di cucina dei cittadini romani, per farne compost organico utile a fertilizzare i campi delle campagne laziali".

"A Parma - conclude la nota del Gcr - ci vogliono far credere che la gestione dei rifiuti sia una impresa da titani, per giustificare e sostenere un forno inceneritore sovradimensionato, che brucerà rifiuti per oltre 30 anni. Mille invece sono i segnali che si possa fare diversamente e meglio per la salute di tutti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Attualità

Covid: a Parma quasi 44 mila vaccinazioni

Salute

Come calcolare l'Indice di Massa Corporea

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 170 casi e un morto

  • Cronaca

    Covid: "Negli ultimi giorni abbiamo ricoverato molti giovani"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento