menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raccolta differenziata, Parma prima in Emilia Romagna

Positivi i dati 2009: 52,5% la media provinciale. In vetta Soragna con l’80,6%. Nel primo semestre 2010 prosegue il trend. Nei primi sei mesi dell'anno differenziata al 55%.

La provincia di Parma è quella che differenzia di più in Emilia Romagna. Lo attestano i dati 2009 del Rapporto annuale dell’Osservatorio provinciale rifiuti, realizzato in collaborazione con la sezione di Parma dell’Arpa. Dati che parlano di una media provinciale salita al 52,5%: 4 punti percentuali in più del 2008. E il trend sembra confermato anche nel 2010: nei primi sei mesi dell’anno la media provinciale della raccolta differenziata è ulteriormente aumentata, posizionandosi attorno al 55%. Numeri ancora più positivi se si pensa che solo pochi anni fa eravamo il fanalino di coda della Regione. La media provinciale del 52,5% è ben al di sopra di quella regionale 2009 (47,4%) e supera anche la media di raccolta differenziata dell’area del Nord Italia, la più virtuosa del Paese.

Nel 2009 nel Parmense sono stati prodotti rifiuti urbani per 267.800 tonnellate: 612 kg per abitante, contro i 614 del 2008 e i 619 del 2007. Del totale dei rifiuti prodotti, 127.300 tonnellate sono andate a smaltimento, ma soprattutto 140.500 tonnellate a raccolta differenziata, che per la prima volta supera i quantitativi smaltiti.

Si tratta di un risultato straordinario, tanto più rilevante se si pensa che nel 2000 eravamo fanalino di coda in regione con la differenziata al 17,4%. Essere primi significa aver lavorato bene: ringrazio i Comuni e i cittadini perché risultati come questo si ottengono se c’è un impegno corale e congiunto”, ha detto nella presentazione di oggi il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli. “Nel 2005 ci siamo dotati di un piano per gestire questo tema in modo corretto, un piano che puntava innanzitutto sulla raccolta differenziata e che stiamo rispettando. È uno dei piani più moderni e più avanzati d’Italia”, ha continuato Bernazzoli, che ha aggiunto: “La parte di rifiuti che non si riesce a differenziare va in discariche o in inceneritori, impianti che sono tutti fuori provincia. Il piano prevedeva la realizzazione di un impianto di smaltimento e termovalorizzazione per essere autosufficienti, per chiudere nel nostro territorio il ciclo dei rifiuti, e per ottenere un contenimento dei costi. Anche su questo tema si sta procedendo, il piano sta andando avanti”.

I dati del rapporto, presentati da Lorenzo Frattini del Servizio Ambiente della Provincia, offrono una dettagliata fotografia del territorio. Se a proposito della differenziata si legge la situazione della provincia per macro aree, i risultati migliori sono nella Bassa (69,8%), seguita dai comuni della Pedemontana (58,2%) e dalla zona di Fidenza e Salsomaggiore (57,4%). Meno positivi i dati del Comune capoluogo (45,8%), della Comunità Montana Est (40,5%) e della Comunità Montana Valli Taro e Ceno (21%), ma in questi ambiti è previsto un forte impegno già dai prossimi mesi. Nella speciale classifica della raccolta differenziata si conferma primo il Comune di Soragna (80,6%), seguito da Trecasali (79,6%) e Roccabianca (79%). Ben 15 i comuni sopra al 70%: ai tre citati si aggiungono Zibello, Polesine Parmense, Sissa, San Secondo Parmense, Lesignano Bagni, Sorbolo, Mezzani, Fontevivo, Busseto, Sala Baganza, Colorno, Langhirano.


L’estensione sempre più massiccia del sistema di raccolta porta a porta ha certo contato: partite nel 2005 anche grazie alle scelte operate dal Piano provinciale di gestione rifiuti (Ppgr), le raccolte domiciliari sono arrivate nel 2009 a toccare 23 comuni del territorio (per un totale di 203.600 abitanti). Proprio questa sarà la modalità su cui si punterà anche per il futuro. Il tutto sempre di pari passo con la necessità di una continua riduzione dei rifiuti prodotti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento