menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziane rapinate in due giorni: in manette 21enne italiano

Pendolari del crimine che si spostavano tra Milano, Piacenza e Parma per rapinare gli anziani. Finito in manette uno dei due rapinatori che in due giorni avevano derubato due anziane

Veri e propri pendolari del crimine, come li ha definiti il nuovo dirigente della Mobile Corrado Empoli, i responsabili delle rapine ai danni di due anziane tra il 12 e il 14 settembre. Si tratta di due giovani senza fissa dimora, un italiano 21enne e un coetaneo albanese non ancora identificato, che vivevano di espedienti mettendo a segno rapine a danni di anziani in diverse città del nord Italia. Erano arrivati da poco a Parma quando, il 12 settembre scorso, hanno preso di mira una 75enne che camminava in via Barilli in compagnia di sua figlia. In pochi minuti l'anziana è stata avvicinata da uno dei due mentre l'altro faceva da palo, afferrata al collo e spinta contro un albero per strapparle la collana in oro. Un monile dal particolare valore affettivo per la donna, perchè recava un ciondolo con la foto del marito defunto. Pochi minuti dopo i due sono scappati lasciando la donna a terra, poi ricoverata per accertamenti al Pronto Soccorso.

Dalle testimonianze raccolte dagli agenti delle Volanti è stato subito possibile poter tracciare un identikit dei due malviventi, che non paghi, due giorni dopo hanno rapinato secondo le stesse modalità un'altra anziana, questa volta in via Micheli. La donna, una 79enne, stava rincasando di ritorno dalla messa attorno alle 18,20  quando uno dei due rapinatori le ha cinto un braccio attorno al collo da dietro per poi strapparle di dosso le due collane d'oro che l'anziana indossava, spaccandone una e riuscendo a impossessarsi solo di quella recante l'immagine, anche in questo caso, del marito defunto. Nonostante l'aggressione subita, costata una frattura del bacino, l'anziana è però riuscita a individuare particolari utili agli investigatori che sono riusciti a individuare, pochi giorni dopo, l'alloggio di uno dei due rapinatori, nei pressi di un albergo. Fermato e accompagnato in Questura per i rilievi fotosegnaletici, l'uomo è stato riconosciuto dalle vittime come uno dei due responsabili delle rapine. Si tratta di un 21enne italiano, M.A., incastrato anche dalle immagini di video sorveglianza di alcune attività commerciali nei pressi delle rapine. I due, secondo la ricostruzione, dopo aver derubato le anziane, si sarebbero recati in un compro oro per rivendere le collane. Indagati in stato di libertà, per i due rapinatori è scattata l'ordinanza di misura restrittiva  emessa dal GIP Alessandro Conti.

Nonostante la denuncia della Procura di Parma, M.A. non si era fermato e il giorno dopo aveva messo a segno un'altra rapina secondo le stesse modalità, questa volta a Milano, arrestato in flagranza di reato, è finito ai domiciliari nel piacentino. Ieri 9 ottobre, M.A. è stato arrestato dal personale dell'Antirapine di Parma. Le indagini non sono chiuse, si cerca ancora il suo complice sul quale pende l'ordinanza di arresto. A seguito dell'alto numero di truffe ai danni degli anziani registrate nelle ultime settimane, dal dirigente Empoli un messaggio rivolto agli anziani che vivono in città, per una maggiore cautela nell'aprire la porta agli sconosciuti e nel limitare di indossare monili preziosi per strada. "Nessun allarmismo - ha sottolineato Empoli - ma una maggiore accortezza per limitare un fenomeno in netto aumento ai danni dei più deboli".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 176 casi e un decesso

  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento