rotate-mobile
Cronaca

Nelle fogne per 800 metri, i rapinatori hanno scavato per cinque giorni: ecco dove sono entrati

Sei degli otto rapinatori sono entrati dal canale Naviglio, dietro il Conad: come talpe hanno fatto centinaia di metri sotto terra: il bottino è stato di 300 mila euro

E' stato ritrovato il tombino dal quale i rapinatori sono partiti per arrivare alla filiale di Banca Monte Parma, all'angolo tra via Venezia e via Trento, dalla quale sono usciti con il bottino che ammonta a poco più di 300 mila euro. Contante a parte, la banda composta da otto persone ha portato via anche le cassette di sicurezza. Una cinquantina circa. Un bel bottino per un colpo da professionisti veri, calcolato in tutto e per tutto. Organizzazione e tempismo. Partiti dalla zona del Penny Market, precisamente dal canale Naviglio, dietro il Conad, sei degli otto banditi hanno proseguito per circa 800 metri sotto terra prima di arrivare nell'istituto di credito ed entrare dal caveau.

Secondo gli inquirenti ci sarebbero voluti quattro o cinque giorni per scavare il lungo tunnel che ha portato i sei banditi ad arrivare in ‘zona banca’. Due di loro sono entrati dall'ingresso principale, prendendo in ostaggio una dozzina di persone tra dipendenti e clienti dell’istituto di credito, in attesa dell’arrivo degli altri componenti che agivano indisturbati nel tunnel che li portava direttamente all’interno della banca dall’interno del caveau nel vano ascensore, armati presumibilmente di pistole a giocattolo e tuta bianca. Si cerca l’auto con la quale si sono allontanati dalla zona e si vagliano tutte le telecamere di sorveglianza del quartiere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nelle fogne per 800 metri, i rapinatori hanno scavato per cinque giorni: ecco dove sono entrati

ParmaToday è in caricamento