menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapinano una studentessa sul bus e accoltellano il giovane che la difende: due tunisini arrestati grazie alle telecamere

I poliziotti della Squadra Mobile hanno ricostruito l'episodio del 23 novembre: esseziali le immagini del sistema di videosorveglianza all'interno dell'autobus

Sono stati arrestati i due responsabili della violenta rapina, andata in scena il 23 novembre, a bordo dell'autobus della linea 3 della Tep mentre il mezzo stava transitando in via d'Azeglio a Parma. Si tratta di due giovani 30enni tunisini, le cui iniziali sono L.R. e K.H., che sono stati raggiunti dall'ordinanza di custodia cautelare rispettivamente a Bolzano e all'intero della Casa Circondariale di Bologna dove uno dei due si trovava dopo l'arresto per una rapina commessa in centro. Quel giorno i due, saliti sull'autobus in via Gramsci con un coltello a testa in tasca e allo scopo di cercare una vittima da scippare, si sono avvicinati ad una giovane studentessa di 20 anni, per cercare di strapparle il cellulare. Dopo qualche tentativo ci sono riusciti ma la ragazza si è accorta dello scippo ed ha reagito.

VIDEO - Il Capo della Mobile: "Erano due rapinatori pericolosi, con il coltello in tasca" 

Subito ha chiesto, insieme all'amica, ai due di restituirle il telefono: i rapinatori hanno negato e poi si sono passati il suo cellulare. A quel punto due ragazzi che erano sul bus sono intervenuti mentre l'autista ha bloccato il mezzo ed ha chiamato la polizia. I due tunisini sono stati bloccati all'interno del bus - in attesa dell'arrivo degli agenti delle Volanti - ma ad un certo punto sono riusciti a forzare le porte e a scappare. Uno dei due ragazzi ha seguito un rapinatore in via d'Azeglio: il tunisino K.H. ha estratto il cutter che aveva in tasca e ha colpito il giovane al braccio, procurandogli una ferita guaribile in 12 giorni. Grazie all'utilizzo delle immagini dell'impianto di videosorveglianza dell'autobus gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Parma sono riusciti a ricostruire nel dettaglio l'episodio e ad identificare i due rapinatori. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 5 morti e 52 nuovi casi

  • Cronaca

    Coronavirus. Nessuna zona "rosso scuro" per l'Emilia-Romagna

  • Sport

    Dal lockdown non sai più vincere: Parma, che ti è successo?

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento