Rave party nella golena del Po: denunciate 539 persone

Chiuse le indagini per la festa non autorizzata che si è svolta a fine luglio tra Roccabianca e San Daniele Po: denunciati i dieci organizzatori identificati dalla Digos di Cremona

Si sono chiuse le indagini per il rave party nella golena del Po, uno dei tanti che, negli ultimi anni, si sono svolti nei territori compresi tra Busseto, Roccabianca e San Daniele Po. A fine luglio centinaia di giovani da tutta Italia e dall'estero si sono ritrovati in golena per una festa in riva al fiume: il giorno dopo i carabinieri di San Daniele Po e quelli dei comuni parmigiani, oltre alla polizia, i Vigili del Fuoco e la polizia municipale, avevano identificato tutti i partecipanti al rave.

Secondo quanto riportato da Tv Parma per quell'evento si sono chiuse le indagini in questi giorni: i carabinieri e la Digos di Cremona hanno identificato dieci giovani, ritenuti gli organizzatori della festa: per loro, oltre alla denuncia per aver organizzato una manifestazione non autorizzata, anche sanzioni di carattere amministrativo per aver fatto entrare auto e furgoni nell'area della golena e per l'abbandono di rifiuti. I 539 partecipanti sono stati tutti denunciati per invasione di terreno. 

Potrebbe interessarti

  • Formiche, i rimedi naturali per allontanarle da casa

  • I rimedi naturali per allontanare api, vespe e calabroni senza danneggiare l'ambiente

  • 'Io accolgo': il flash mob con le coperte termiche al Regio

  • I benefici di avere un animale domestico in casa, anche per i bambini

I più letti della settimana

  • Terrore a Traversetolo, autobus a zig zag: i passeggeri evitano la tragedia

  • Respiccio di Fornovo: 53enne muore mentre spegne un incendio

  • Tutte le tortellate di San Giovanni a Parma e provincia

  • Choc in Pilotta, violenza sessuale contro una ventenne: arrestato 28enne pachistano

  • Autobus impazzito a Traversetolo: l'autista è stato sospeso dal servizio

  • L'ombra delle corse clandestine dietro l'incidente a Traversetolo: "Sfrecciavano una attaccata all'altra"

Torna su
ParmaToday è in caricamento