Verdi Re Lear - L’Opera che non c’è_Premessa inaugura Natura Dèi Teatri

Lenz Teatro, a Parma, apre le porte alla diciannovesima edizione di Natura Dèi Teatri, Festival di creazioni contemporanee di teatro, musica, danza, video e performance. Si inizia con la prima presentazione assoluta di uno stratificato progetto di Lenz Rifrazioni: Verdi Re Lear - L’Opera che non c’è_Premessa, dal Re Lear “mancato” di Giuseppe Verdi. In collaborazione con il compositore elettronico inglese Robin Rimbaud aka Scanner. E il Conservatorio Arrigo Boito.

"Un desiderio è costruire. Tutti passiamo il nostro tempo a costruire. Per me quando qualcuno dice “desidero la tal cosa” significa che sta costruendo un concatenamento. Il desiderio non è nient’altro": una pars construens analoga a quella espressa da Gilles Deleuze muove, per il diciannovesimo anno, Maria Federica Maestri e Francesco Pititto nella complessa direzione (artistica) di Natura Dèi Teatri. 

Dal 5 al 14 dicembre, lo storico Performing Arts Festival proporrà a Parma «dieci declinazioni scenico-performative dell’identità duplice, stratificata, multipla del linguaggio»: creazioni internazionali ispirate a I due piani, tema concettuale che, dopo Ovulo nel 2012 e Glorioso l’anno seguente, conclude il progetto triennale alimentato dalle suggestioni del celebre filosofo francese. L’edizione 2014 di Natura Dèi Teatri si aprirà con la prima assoluta di Verdi Re Lear - L’Opera che non c’è_Premessa, dal Re Lear “mancato” di Giuseppe Verdi: di esso esiste solo il libretto, scritto da Antonio Somma con le correzioni del compositore stesso. La nuova proposta di Lenz Rifrazioni è «un simulacro d’opera d’arte performativa e musicale che trae dal Lear di Shakespeare e dal Lear di Verdi gli elementi fondamentali alla sua manifestazione», combinando due presenze all’apparenza decisamente dissimili: il compositore elettronico inglese Robin Rimbaud aka Scanner e il Conservatorio Arrigo Boito di Parma: un audace accostamento nato dalla volontà di sperimentare nuove forme di intreccio creativo tra melodramma, nuova composizione, scenografia reale e virtuale, stile di recitazione e di canto, musica unplugged ed elettronica.

Maria Federica Maestri, che in questa Premessa cura installazione e costumi, racconta: "Il Re Lear di Verdi incarna perfettamente l'idea deleuziana di desiderio: il libretto c'è, ma la musica è assente e sul Lear verdiano incombe il fantasma di Shakespeare e della sua opera grandiosa. La dimensione straordinaria di questo lavoro, che presentiamo al Festival in forma di studio, risiede nel tentativo di ricostruire l'opera a partire da fondamenta immateriali, invisibili, di un desiderio di cui rimangono però frammenti concreti in diverse composizioni di Giuseppe Verdi. Restituire, con la nuova scrittura musicale di Robin Rimbaud/Scanner, un’identità scenica a qualcosa di impalpabile: “aria sonora”, come definì la musica Ferruccio Busoni. Due attrici in scena in funzione di Fool/Mica e Cordelia/Delia, un attore Lear in video, due baritoni in funzione di doppio Lear in scena, una soprano e una mezzosoprano Nerilla, Rosane/Delia. Il Fool, per tradizione l’unico a poter dire la verità al Re, è interpretato dalla nostra attrice sensibile Barbara Voghera, che avendo incorporato altre figure di Matto, ad esempio Clarín per Vita è Sogno o il Fool per Hamlet arriva, in questo Lear, a una sua compiutezza. Cordelia è interpretata da Valentina Barbarini, già eroina abbandonata nei nostri ultimi lavori che, come in Dido o in Aeneis, attraversa il martirio di un padre che non la comprende e la rifiuta".

Conclude Francesco Pititto, responsabile della drammaturgia visiva e performativa di questo progetto siderale: "Dare forma a un desiderio, dopo averne scandagliato gli impulsi primari e le manifestazioni più nascoste, è percorso affascinante di ogni ricerca linguistica; vestire un fantasma e vederlo muoversi solo attraverso il movimento delle stoffe è già averlo consegnato al mondo reale che, shakespearianamente, è fatto di sogni e di niente".

Verdi Re Lear - L’Opera che non c’è_Premessa sarà a Natura Dèi Teatri venerdì 5 dicembre alle ore 21.00, sabato 6 alle ore 21.00 e domenica 7 alle ore 18.30. In scena insieme a Valentina Barbarini (Cordelia) e Barbara Voghera (Fool), attrici storiche di Lenz Rifrazioni, i cantanti Ekaterina Chekmareva (mezzo soprano), Haruka Takahashi (soprano), Gaetano Vinciguerra (baritono), Lorenzo Bonomi (baritono) guidati dalla docente Donatella Saccardi. Il progetto si è definito con la consulenza musicale del M° Carla Delfrate.

Negli stessi giorni lo studioso Enrico Pitozzi, docente di Forme della scena multimediale presso il Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, condurrà due stimolanti atti di pensiero: il seminario Magnitudini (venerdì 5 dicembre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18), preziosa occasione per "indagare i processi in atto sulla scena audiovisiva contemporanea", e Dialogo intorno a Re Lear (domenica 7 dicembre alle ore 16.30), costruito allo scopo di evidenziare questioni e processi creativi dell’utopico progetto di Lenz Rifrazioni. L’ingresso agli incontri con Enrico Pitozzi è libero.  Per informazioni e prenotazioni: 0521.270141, 335.6096220, info@lenzrifrazioni.it, natura@lenzrifrazioni.it. 

Natura Dèi Teatri è un progetto di Lenz Rifrazioni che si realizza grazie al sostegno di: MiBACT_Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - Regione Emilia-Romagna, Provincia di Parma, Comune di Parma, Dipartimento Assistenziale Integrato di Salute Mentale - Dipendenze Patologiche AUSL di Parma, Fondazione Monte di Parma, Banca Monte Parma, Camera di Commercio di Parma, Buongiorno SpA, Chiesi Farmaceutici ed in collaborazione con Conservatorio di Musica A. Boito di Parma.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma, la mostra di Ligabue inaugura il nuovo spazio espositivo di Palazzo Tarasconi

    • dal 19 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Palazzo Tarasconi
  • 'Renato Brozzi e la scultura animalista italiana tra Otto e Novecento" al museo Renato Brozzi

    • dal 11 febbraio al 30 maggio 2021
    • Museo Renato Brozzi di Traversetolo
  • corso guide museo guatelli

    • Gratis
    • dal 9 marzo al 13 aprile 2021
    • Museo Guatelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ParmaToday è in caricamento