menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Inceneritore in costruzione a Ugozzolo

Inceneritore in costruzione a Ugozzolo

Referendum sull'inceneritore: lunedì la decisione in commissione

Sara la Conferenza dei capigruppo a decidere sull'ammissibilità del referendum proposto dal Comitato No Inceneritore che chiede di abrogare tutte le delibere comunali inerenti il progetto del termovalorizzatore a Parma

Si riunirà lunedì prossimo la conferenza dei capigruppo del Consiglio comunale di Parma.
All'ordine del giorno anche la richiesta di referendum proposta dal Comitato No Inceneritore, un gruppo di oltre 50 cittadini di Parma che ha fondato una apposita associazione finalizzata a riportare i cittadini al centro delle decisioni importanti, come quella sul forno di Ugozzolo.

La valutazione della richiesta referendaria, secondo il regolamento, sarebbe di competenza dell'apposita commissione Affari Istituzionali, ma non essendo tale commissione presente, quella dei capigruppo ne fa le veci.
Il Comitato No Inceneritore chiede l'indizione di un referendum abrogativo di tutte le delibere comunali inerenti il progetto dell'inceneritore di Parma.

"Oggi davanti ai parmigiani si apre questa opportunità - si legge in una nota del Comitato No Inceneritore - di potersi esprimere su un tema che toccherà la qualità della loro salute per i prossimi vent'anni.
Ci aspettiamo dai capigruppo un approccio positivo alla richiesta di democrazia avanzata dai cittadini, alla loro voglia di esporre il proprio pensiero. Sarebbe la miglior prova di disponibilità all'ascolto che i capigruppo potrebbero dare alla città.

Una città che in questi anni ha cambiato atteggiamento, si è fatta più attenta alle tematiche ambientali, ha dato prova di maturità e capacità di approfondimento, si è a volte addirittura sostituita ai propri delegati per far emergere le storture di alcuni progetti.
Molte volte i partiti, anche quelli che siedono nel consiglio comunale di Parma, si presentano a parole aperti al confronto ed alla condivisione, in atteggiamento di ascolto e di sensibilità ai temi cari ai loro concittadini.

Ecco una valida occasione per passare dalle parole ai fatti, ecco una occasione per dimostrare che gli apparati hanno cambiato pelle e si sono rimessi in ascolto e dialogo con la città.
Una occasione che siamo certi sarà colta da tutto l'arco politico rappresentato in Consiglio, dalla sinistra alla destra, passando per il centro e i civici.
La migliore risposta alle critiche di queste ultime settimane sarebbe proprio un sì unanime al referendum sull'inceneritore"


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

  • Cronaca

    Covid: a Parma quasi 48 mila vaccinati

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento