Teatro Regio, la Fondazione sfratta l'Orchestra e la diffida per il nome

Era nell'aria ma la conferma è arrivata oggi con una nota giunta dalla Fondazione Teatro Regio: "Cessare l'occupazione dei locali, immediato trasferimento di ogni attività in altra sede"

Teatro Regio. Dopo le polemiche degli ultimi mesi la guerra continua con a colpi di carte bollate. Era nell'aria ma la conferma definitiva è arrivata oggi con una nota giunta dalla Fondazione Teatro Regio che ha deciso di sfrattare l'Orchesta del Teatro Regio di Parma e di diffidarla dall'utilizzo del nome 'Orchestra del Teatro Regio'.

"La Fondazione Teatro Regio di Parma -si legge nella nota- comunica che in data odierna ha dato mandato ai propri legali di significare alla Orchestra del Teatro Regio di Parma s. r. l. in liquidazione, nella persona di Enrico Maghenzani, che "preso atto dello scioglimento e liquidazione con delibera societaria del 15/6/12, risultante iscritta in data 9/7/12 nel registro delle imprese, la Fondazione si ritiene sotto ogni profilo sciolta da ogni vincolo contrattuale, eventualmente ritenuto sussistente, derivante dalla convenzione a suo tempo stipulata con "Parma Opera Ensemble", nella cui posizione siete successivamente subentrati (fermi restando i fondati dubbi di legittimità e validità di tale atto convenzionale assunto con procedura anomala, stante la natura di istituto di diritto pubblico ricoperta dall'Ente)".

"Per effetto di ciò, l'Orchestra del Teatro Regio di Parma s. r. l. in liquidazione è stata formalmente invitata a cessare l'occupazione dei locali già concessi temporaneamente in uso, essendo venuto meno ogni titolo legittimo di detenzione, ed a voler conseguentemente provvedere all'immediato trasferimento di ogni attività residuale in altra sede, riconsegnando i locali stessi alla Fondazione Teatro Regio di Parma. La Fondazione Teatro Regio di Parma comunica che in data odierna ha dato mandato ai propri legali di significare alla Nuova Orchestra del Teatro Regio di Parma s. r. l. "di essere venuta a conoscenza della costituzione, in data 13/3/2012, di società recante la denominazione (Nuova) "Orchestra del Teatro Regio di Parma".

"L'uso di detta denominazione era stata consentita dalla Fondazione all'associazione "Parma Opera Ensemble" esclusivamente nell'ambito della convenzione con quest'ultima stipulata il 8/8/2003 per l'organizzazione e la gestione di un complesso orchestrale nell'ambito degli accordi e per le finalità di tale convenzione nonché nei limiti temporali di vigenza della stessa, ormai non più operante e priva di efficacia tra le parti interessate. L'utilizzo di tale denominazione da parte di terzi estranei è dunque improprio ed illegittimo". Conseguentemente la Fondazione ha diffidato "formalmente e ad ogni effetto di legge dalla protrazione dell'indebito utilizzo della denominazione "Orchestra Teatro Regio di Parma" in qualunque ambito e per qualunque scopo", invitando la Società a voler provvedere all'immediata modifica della ragione sociale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Coprifuoco alle 23 e deroghe ai nonni per le feste di Natale: verso il Dpcm del 3 dicembre

  • Covid, oggi si decide: Parma potrebbe tornare in zona gialla

Torna su
ParmaToday è in caricamento