menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inceneritori, M5s "Dalla Giunta Regionale una politica cerchiobottista"

Ieri alcuni amministratori dei comuni emiliani si sono ritrovati sotto il palazzo regionale per incitare la giunta regionale a dare un proprio parere negativo all' incontro interregionale di oggi per l'attuazione del art.35 del ddl "Sblocca Italia" in materia di inceneritori. L'assessore regionale Gazzolo ha sostenuto la sua contrarietà alle nuove politiche governative. Dal M5s regionale "Le parole della Gazzolo non sono chiare, dalla regione ci vuole una posizione più netta"

Ieri alcuni amministratori dei comuni emiliani si sono ritrovati sotto il palazzo regionale per incitare la giunta regionale a dare un proprio parere negativo all' incontro interregionale di oggi per l'attuazione del art.35 del ddl "Sblocca Italia" in materia di inceneritori. L'assessore regionale Gazzolo ha sostenuto la sua contrarietà alle nuove politiche governative.

Andrea Bertani (M5S): “Parole della Gazzolo non sono chiare. Se passa la legge così com’è a rischio anche il nostro Piano regionale dei rifiuti”.

L'APPELLO DEL CONSIGLIERE REGIONALE BERTANI (M5S) - “La Regione prenda una posizione netta sull’articolo 35 dello Sblocca Italia. Non si può continuare a dare un colpo al cerchio e uno alla botte come ha fatto ieri l’assessore Gazzolo, che prima sostiene di essere contraria alla politica del Governo sugli inceneritori e poi smentisce se stessa dicendo che non c’è nessuna bocciatura da parte della Regione. Altro che rifiuti zero e spegnimento graduale degli inceneritori: con il cerchiobottismo dei nostri amministratori anche l’Emilia-Romagna sarà destinata a bruciare sempre più rifiuti”.

È questo il commento di Andrea Bertani, consigliere regionale del M5S, alla vigilia dell’incontro in Conferenza Stato-Regioni nel quale di discuterà dell’articolo 35 della legge Sblocca Italia che di fatto dà il via libera a nuovi inceneritori in tutto il Paese e aumenterà il carico di rifiuti da bruciare in quelli già esistenti. “Ieri avevamo presentato una risoluzione in Assemblea per impegnare la Giunta a far sentire la propria voce all’interno della Conferenza Stato-Regioni ma la fretta del PD di chiudere i lavori alle 18 non ci ha permesso nemmeno di discuterla – spiega Andrea Bertani – A questo punto chiediamo all’assessore Gazzolo di prendere una posizione chiara e netta in Conferenza Stato-Regioni. Basta giocare con le parole, c’è in ballo la salute dei nostri cittadini”.

Nella risoluzione presentata dal M5S con le firme di Andrea Bertani, la capogruppo Giulia Gibertoni e i consiglieri Silvia Piccinini, Raffaella Sensoli e Gian Luca Sassi, si chiedeva alla Giunta di “opporsi in tutte le sedi possibili all’art. 35 dello sblocca Italia perché il potenziamento degli inceneritori esistenti e la costruzione di nuovi peggiorerà la qualità dell’aria, rappresenterebbe un enorme spreco di denaro pubblico e metterebbe l’Italia in condizione di infrazione delle norme comunitarie sulla riduzione delle emissioni.

“Se approvato così com’è l’articolo 35 farebbe diventare l’incenerimento ‘attività di recupero’ (anziché di smaltimento) e si aprirebbe la strada a nuovi impianti di incenerimento, addirittura non previsti dai Piani regionali, insieme a una miriade di presunte “ristrutturazioni” di impianti obsoleti allo scopo di bruciare rifiuti provenienti da tutta Italia, rappresentando nei fatti una sorta di gigantesca sanatoria nei confronti di tutti gli impianti esistenti – aggiunge il consigliere del M5S – Senza contare che, dal punto di vista legislativo, ci sarebbe l’effetto di far diventare carta straccia i Piani regionali di gestione dei rifiuti, compreso quello in itinere della Regione Emilia-Romagna, con una sostanziale deregulation incontrollabile dei conferimenti da altre regioni.

Visto che il presidente Bonaccini non perde occasione per dire che la Regione chiuderà nei prossimi anni qualche inceneritore dica chiaramente quante e quali saranno le ciminiere che spegnerà”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 88 nuovi contagi e 4 decessi

  • Cronaca

    I parmigiani e il vaccino: aumentano gli scettici

  • Attualità

    Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento