menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma and Stars, salta il concerto di Renzo Arbore, Pizzarotti: 'Non sono spettacoli comunali'

La prima serata di Parma and Stars non si e' svolta, il concerto di Renzo Arbore e' saltato per la mancata autorizzazione della Commissione di vigilanza mentre il sindaco si smarca:'Non e' una nostra organizzazione, non sono spettacoli comunali'

Dopo le polemiche e gli esposti la prima serata della manifestazione Parma and Stars e' saltata: il concerto di Renzo Arbore previsto per la sera del 2 luglio non si e' svolto per la mancata autorizzazione da parte della Commissione di vigilanza tra la rabbia e l'indignazione degli spettatori. E dopo lr polemiche il sindaco Pizzarotti su Twitter si smarca: 'Non e' una nostra organizzazione, non sono spettacoli comunali“.

ASCOM: 'NOI SIAMO PARTE LESA' - "Quello che è successo nella serata di ieri, vale a dire la sospensione e l’annullamento del primo concerto in programma per la rassegna Parma and Stars, a seguito della mancanza di alcune condizioni di sicurezza indispensabili, emerse solamente all’ultimo momento, è un fatto sconcertante e di estrema gravità in cui Ascom è parte lesa così come lo sono le centinaia di persone a cui è stata negata una tempestiva informazione nonché la possibilità di godere di una serata di musica. Come più volte ribadito Ascom ha finanziato questa iniziativa con il solo ruolo di main sponsor ed è in ragione di questo unico ruolo che la nostra Associazione interverrà legalmente nei confronti dei responsabili dell’organizzazione, sia per gli impegni economici siglati che per il danno di immagine subito. E’ dal mese di dicembre 2014 che IKO Italian Konzert Opera ha avuto modo di confrontarsi con il Comune di Parma in merito all’organizzazione di questo evento (che peraltro nell’idea iniziale era previsto al Parco Ducale) ed è dunque inconcepibile che dopo 6 mesi di analisi e di confronti, a cui si sono aggiunte le polemiche dei mesi scorsi, si sia arrivati alla sera del primo evento con un risultato di questo genere! La cosa è ancora più strana se si pensa che la società IKO vanta una ventennale esperienza nell’organizzazione di eventi similari svolti in location che vanno da piazza Duomo a Siena, al Teatro Romano di Ostia, dal Vittoriale di Brescia a Castelgrande di Bellinzona in Svizzera ecc. ed è proprio per questa lunga e dimostrata esperienza che Ascom aveva accettato di sponsorizzare l’evento.  Arrivati a questo punto, dispiace davvero che un’operazione pensata per attrarre presenze su Parma e che peraltro ha dimostrato di essere in grado di farlo, sia diventata, per una serie di incomprensibili inefficienze, l’ennesimo motivo di imbarazzo per l’immagine della nostra città.

 PAGLIARI: "ENNESIMA FIGURACCIA IMPOSTA ALAL CITTA'" - In merito all'annullamento del Concerto di Renzo Arbore a Parma il Senatore Giorgio Pagliari ha dichiarato: "Non è possibile arrivare a questi punti di improvvisazione. Un'occasione di divertimento trasformata in una serata di rabbia e indignazione per le 1.500 persone che erano in piazza. Colpa di una richiesta maldestra di autorizzazione o non adeguatamente documentata? Prendo atto che il Comune ha dato spiegazioni e preso le distanze dagli organizzatori. Spero che non siamo al solito scaricabarile. Ma il fatto decisivo non è questo. Ciò che risalta è l'ennesima figuraccia che si è imposta alla città. Ciò che preoccupa è che continua e cresce una difficoltà di governo che appare ormai a tutti sempre più insostenibile. Tutto si aggiusterà, probabilmente. Ma l'episodio resterà come testimonianza di ciò che una amministrazione comunale non dovrebbe mai arrivare a fare".

COMUNE: 'MANCAVANO LE CERTIFICAZIONI DI IMPIANTI E PALCO'- L’Amministrazione ha espresso indirizzo favorevole alla Manifestazione Parma and Stars, in quanto diretta alla valorizzazione commerciale e turistica del territorio attraverso uno scenario unico qual è Piazza Duomo, tant’è che ha concesso ai promotori della stessa il patrocinio e la coorganizzazione. Gli spazi e le bellezze che contraddistinguono le nostre città devono essere vissute e rese disponibili ovviamente nel rispetto delle patrimonio che rappresentano e delle norme vigenti: questo era e continua ad essere l’orientamento convinto dell’Amministrazione. E’ importante, però, dopo quanto accaduto ieri sera, fornire un chiarimento dettagliato agli spettatori presenti e a tutta la cittadinanza.

La rassegna “Parma and Stars”, come qualsiasi altra manifestazione con partecipazione di pubblico superiore alle 200 unità è assoggettato al preventivo sopralluogo della Commissione comunale di vigilanza, che deve attestare l’agibilità dei locali e degli impianti sotto il profilo della sicurezza pubblica. La verifica presuppone il preventivo montaggio degli impianti stessi, essendo diretta ad attestarne la correttezza e rispondenza alle norme vigenti. La Commissione di vigilanza riunitasi ieri pomeriggio alle 14.00, ha evidenziato durante il sopralluogo una serie di lacune tecniche non certo definibili futili, come ad es. la mancanza della certificazione del corretto montaggio degli impianti (palco, torri layer e gazebo), la mancanza delle certificazioni dell’impianto elettrico di messa a terra e delle certificazioni di reazione al fuoco delle sedie, del palco, dei tendaggi e dei teli di copertura, l’insufficienza del numero degli estintori. La società organizzatrice, sin dalle ore 17.45, era a conoscenza del parere negativo della Commissione di vigilanza che riveste efficacia vincolante ai fini dell’autorizzazione della manifestazione stessa. Pertanto, gli organizzatori avrebbero potuto fin da quell’ora adoperarsi al fine di informare gli spettatori in maniera corretta di tale parere negativo, senza attendere di aver riempito la platea. Da parte sua, invece, il Comune di Parma, stante il parere negativo vincolante della Commissione di vigilanza basato su motivazioni di tutela della sicurezza degli spettatori, operatori ed artisti, non ha potuto fare altro che diniegare l’autorizzazione. Per quanto concerne, infine, le supposte criticità di acustica che sarebbero state evidenziate da Arpa, si sottolinea una volta per tutte che la Delibera di Giunta regionale n. 45/2002 al punto 5 prevede il possibile rilascio di autorizzazioni in deroga previa acquisizione del parere Arpa. Il predetto parere è stato regolarmente richiesto e valutato quale non vincolante ai sensi della Disciplina procedimentale concernente il Regolamento per la disciplina in deroga della attività rumorose temporanee approvata con Deliberazione di Giunta comunale n. 950 del 23/07/2009 che qualifica come vincolante unicamente il parere Arpa sulle attività rumorose nei cantieri. Tutto ciò premesso, l’Amministrazione è profondamente rammaricata per quanto accaduto ieri sera, in specie nei confronti degli spettatori presenti in Piazza Duomo, che non hanno potuto assistere all’esibizione di un grande artista solo a causa delle gravi problematiche di sicurezza evidenziate riferibili all’organizzatore della manifestazione. L’Amministrazione per quanto sopra illustrato sta valutando eventuali azioni legali a tutela degli interessi del Comune di Parma". 

NOTA DEL COMUNE - Per una serie di manchevolezze tecniche, alle 17.30 di oggi la Commissione di vigilanza ha notificato parere negativo vincolante agli organizzatori dell'evento di questa sera di Parma and Stars, di conseguenza il Comune di Parma ha diniegato la manifestazione.

GHIRETTI: 'L'ASSESSORE CASA SI DIMETTA' - Dire che avevamo avvisato l’assessore Casa della sostanziale scorrettezza dell’iter autorizzativo per i concerti di piazza Duomo è fin troppo poco. Il disastro a cui è stata esposta ieri sera tutta la città è oggi davanti agli occhi di tutti. L’unico commento che è possibile fare è che quando la protervia si mischia all’incompetenza questi sono i risultati. A nulla serve adesso che il Sindaco dal suo esilio dorato cerchi di addossare ad altri le colpe di quanto avvenuto: il Comune è co-organizzatore della rassegna e, se non bastasse, c’è tanto di conferenza stampa con l’assessore Casa che spiega che sostanzialmente del parere di Arpa ce ne possiamo infischiare. Ho cercato con tutte le mie forze di avversare una interpretazione tanto spregiudicata dei regolamenti comunali ma, ovviamente, nessun ascolto è stato offerto da un Assessore che evidentemente ha ritenuto che tirare dritti per la propria strada con i paraocchi fosse una saggia strategia. Del resto neanche la copiosa raccolta firme organizzata dai residenti ha trovato udienza, alla faccia del dialogo e della partecipazione. Quello che mi aspetto adesso è che, con un sussulto di decenza, l’assessore Casa rassegni immediatamente le dimissioni.  E con lui farebbe bene ad andarsene questa amministrazione pasticciona e incompetente che in questi tre anni di mandato non ha saputo portare a casa nulla di veramente buono per la città. Neppure una rassegna di concerti estivi che non generasse polemiche infinite e strappi istituzionali i cui esiti oggi possiamo tutti apprezzare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa: restiamo arancioni

  • Cronaca

    Covid, record di casi a Parma: + 234 e 5 morti

  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento