menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli, in giro con l'auto rubata. Albanese fermato per ricettazione

Due servizi dei Carabinieri il 13 e 15 dicembre scorsi nei 12 comuni tra la Bassa e l'Appennino contro i furti. 200 identificati, 7 denunce e un fermo in carcere per ricettazione

Aumentano in vista del periodo festivo i controlli attivati dai carabinieri nei 12 comuni tra la Bassa padana e l'Appennino per contrastare il fenomeno dei furti. Con un dispiego di 8 pattuglie sono stati effettuati 2 servizi di controllo il 13 e il 15 dicembre scorsi identificando rispettivamente 102 persone, di cui 55 stranieri il 13 dicembre, e 98 persone di cui 52 stranieri il 15 dicembre.

RICETTAZIONE, FERMATO UN ALBANESE- Nel corso dell'ultimo servizio è stata fermato un cittadino albanese, classe 1994, domiciliato a Genova con precedenti per reati contro il patrimonio. L'uomo era a bordo di un'auto rubata nei pressi di Vicofertile attorno alle 20,00, in compagnia di 3 connazionali residenti a Parma tra via Emilia Ovest e via Reggio, di 26 e 17 anni. Trovato a bordo un cacciavite, i 3 sono stati denunciati a piede libero per possesso di oggetti atti allo scasso. Fermo convalidato in carcere per ricettazione per il conducente dell'auto rubata, una Ford Fiesta sottratta il 28 novembre scorso a una 47enne parmigiana.

DENUNCE PER SPACCIO. Attorno alle 22 del 15 dicembre sono stati denunciati anche 2 studenti parmigiani per detenzione a fini di spaccio. I due si trovavano in via Bixio quando sono stati fermati dai Carabinieri, erano in possesso di 4 grammi di marijuana e 20 euro,  poco prima dell'arrivo degli uomini dell'Arma sono stati notati gettare  per terra alcuni semi di canapa. Dello stesso giorno la denuncia per 2 moldavi domiciliati a Parma, fermati nel parcheggio scambiatore nord mentre rubavano benzina da un camion appartenente a un'azienda di Traversetolo. Avevano fatto in tempo ad asportare appena una tanica da 10 litri quando sono stati fermati dai Carabinieri, che li hanno denunciati a piede libero. Denunciato nella stessa giornata anche un cittadino moldavo, che ha cercato di rubare generi alimentari per un valore di 120 euro al Panorama. L'uomo era riuscito a trovare un sistema per cucirsi addosso la refurtiva con tasche particolari nel giubbotto, ma è stato fermato e denunciato. Un fidentino classe 1981 è stato sottoposto a un controllo perchè trovato in possesso di 4 grammi di hashish.

CASOLARE OCCUPATO A VICOFERTILE - Nel corso dei controlli effettuati il 13 dicembre scorso la Stazione di San Pancrazio ha denunciato 5 persone classe 1993 residenti a Parma e Noceto, un gruppo di studenti che a tempo perso occupava un casolare abbandonato a Vicofertile. Notate luci all'interno dell'edificio dopo le 16,30, l'Arma ha fermato inizialmente 2 persone, poi dopo alcune ore le altre 3, per far poi scattare la denuncia per occupazione abusiva e danneggiamenti, a causa della forzatura della porta d'ingresso e del danneggiamento degli interni. Nella stessa giornata sono stati denunciati anche un moldavo classe 1986 residente in via Bottego a Parma per possesso di un coltello, e un tunisino perchè sprovvisto di documenti per l'identificazione. Dai controlli effettuati nei pressi della Pilotta, sono stati rinvenuti 5 grammi di marijuana nascosti in un'insegna di un esercizio commerciale all'angolo tra via Garibaldi e Piazzale della Pace. Segnalati in Prefettura anche un parmigiano residente a Felino classe 1989 e un moldavo residente a Parma perchè trovati in possesso rispettivamente di 3 gr di marijuana e 6 di hashish a Langhirano, località Torrechiara.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Giro passa da Parma: ecco le tappe e gli orari

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 43 casi e un decesso

  • Cronaca

    Il piano di Patrick: voleva uccidere anche Maria Teresa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento