menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ricettazione, denunciato un pregiudicato trovato in possesso di materiale idraulico per migliaia di euro

L'operazione della Polizia di Parma era partita in seguito alla denuncia di un'azienda di disinfestazione a cui era stato rubato il materiale contenuto all'interno di un furgone. Gli uomini dell'antirapine lo hanno ritrovato grazie a un GPS.

Un'ingente quantità di materiale idraulico per migliaia di euro di valore sequestrato e un pluripregiudicato denunciato a piede libero. Questo il risultato di un'operazione portata a termine dalla sezione antirapine della Questura di Parma in seguito a una denuncia per furto giunta il 10 luglio scorso.

Il denunciato, I.G. 42 anni originario della Calabria e residente a Reggio Emilia, è stato individuato perchè pochi giorni fa un imprenditore parmigiano, amministratore delegato di una ditta che ha ottenuto l'appalto da IREN per la disinfestazione dalle zanzare tigre, si era recato presso gli uffici della Questura di Parma per denunciare un furto avvenuto nella notte tra l'8 e il 9 luglio. Persone ignote avevano forzato il portellone di un furgone parcheggiato in via Bernini, avevano rubato 6 lance per pompe irroratrici, una tanica da 10 litri di liquido antizanzare e 6 localizzatori GPS con relativi caricabatterie. Proprio grazie ai localizzatori satellitari contenuti nelle pompe la polizia è riuscita a risalire al luogo dove si trovava la refurtiva. Con un'approssimazione di circa 50 metri, dovuta al fatto che la merce era probabilmente nascosta in una cantina o in un garage e quindi non era possibile che venisse agganciato un satellite, la polizia è giunta a casa di I.G. a Reggio Emilia, già noto alle forze dell'ordine. In seguito a un decreto urgente di perquisizione, emanato dalla procura di Parma, gli uomini dell'antirapine sono entrati nel garage del ricettatore e hanno trovato molto più di quello che si aspettavano. Merce, praticamente quasi tutta imballata, rubata probabilmente tra le province di Parma, Reggio Emilia, Modena, Cremona o Mantova. 

Ventiquattro plafoniere con neon, una pompa sommersa da 10 bar Grundfos, una valigetta in plastica nera Tecnosystem con un tubo all'interno, una valigetta blu con il medesimo contenuto, una confezione contenente un tubo flessibile, un cartone contenente una cassetta a incasso da wc marca Geberit, 7 rubinetti Ideal Standard, 2  rubinetti Zazzeri, un miscelatore Yuppi, 3 rubinetti Mamoli, una bocchetta erogatrice Oxigene, un sifone da bidet Idral Art, un rubinetto Fantini, una scatola bianca con rubinetto senza marca, 2 scatole non complete con miscelatori Zucchetti, un collettore per riscaldamento a pavimento marca Rehau, 20 miscelatori da doccia marca Grohe, modello Chiara, 8 modello Essence, 2 modello Eurodisc, un miscelatore da doccia modello Concetto, 2 modello 32837000, 2 scatole contenenti accordi diritti con riduzione di marca Maxima, 7 rubinetti elettronici DMP Electronics, 3 miscelatori da incasso marca Hansgrohe, un tritarifiuti elettrico In Sink Erator, 7 rubinetti per vasca Theorema, modello Goodlife, 18 miscelatori da bidet marca Theorema, modello Theos, 2 rubinetti per la vello Theorema, modello Golf, 22 miscelatori da incasso per doccia marca Theorema, modello Theos, 20 attuatori termostatici a liquido marca Watts, 2 scatole di componenti in plastica Grohe, 5 scatole di fili idraulici Grohe, 3 scatole contenenti cartucce 46 mm Grohe, 2 rubinetti  da incasso sempre Grohe, un tubo per doccia flessibile Hansgrohe, un tagliatubo in rame Kompakt, un tagliatubo in rame Regin, 8 scatole con manometri per gas, 3 contenitori di tubi pneumatici, 1 cannello per saldatrice marca Almus 82, una valigetta azzurra in plastica, contenente un manometro Wigam, 7 cartucce per miscelatori Hansgrohe, 7 carotatrici da muro, 3 pinze per presse.

Insomma un deposito vero e proprio di merce rubata. Il ricettatore ha prima tentato di giustificarsi dicendo che la merce rubata a Parma gli era stata regalata per un acquisto di altro materiale, poi quando gli agenti di polizia gli hanno chiesto di giustificare l'acquisto del resto degli oggetti rinvenuti, l'uomo ha ceduto dicendo che si trattava di proventi di furto rubata da quelli che ha definito due zingari e che non era stata rubata a Reggio Emilia. 

La Questura di parma riferisce che chiunque riconosca gli oggetti rubati può reclamarli con regolare denuncia presentata alle forze dell'ordine. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa dal 1° marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento