menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riciclaggio, due ditte parmigiane vittime di una truffa: due arresti 

Nel corso di attività di indagine condotta dalla Polizia Postale di Cuneo in merito a delle frodi informatiche messe a segno da cittadini dell’est, è emerso che tra le vittime vi potessero essere anche due aziende parmigiane. Identificati i titolari delle aziende, venivano immediatamente convocati presso gli uffici della Squadra Mobile e, attraverso le loro parole, si riusciva a ricostruire le modalità della truffa di cui erano rimasti vittime: una delle due ditte aveva inviato all’altra la fattura relativa a servizi effettuati, con l’indicazione dell’importo da pagare e le coordinate bancarie del conto su cui effettuare l’accredito della somma; è in questo flusso di comunicazioni che si è inserito il criminale hacker il quale, dopo aver intercettato la mail, ha sostituito la fattura inviata con una contenente le coordinate del conto corrente intestato al cittadino polacco Jan Romanowicz ed aperto lo scorso 13 settembre a Cremona. La seconda ditta, naturalmente ignara del raggiro, aveva accreditato la somma dovuta sul conto indicato in fattura che, di conseguenza, non è mai arrivata alla ditta fornitrice. Un esempio di frode informatica definita “Man in the middle”, in cui una terza persona si interpone nelle comunicazioni informatiche tra due soggetti modificandone il contenuto.

Gli accertamenti effettuati dalla Polizia Postale di Cuneo hanno, nel frattempo, consentito di appurare che Romanowicz, nella giornata di oggi si sarebbe recato presso l’Ufficio Postale di Cremona per ritirare la somma di 10000 € e, per tale motivo, veniva attivata la Squadra Mobile di Cremona per la predisposizione di un dedicato servizio. Nella mattinata di oggi, come previsto, Jan Romanowicz si è presentato presso lo sportello postale per ritirare la somma stabilita e, mentre era intento ad effettuare il prelievo, il personale della Squadra Mobile di Cremona lo bloccava. Le attività svolte nell’immediatezza dagli investigatori hanno consentito di intercettare e bloccare anche il complice identificato in Enache Constantin, 45enne rumeno, che in realtà sarebbe stato il successivo destinatario della somma da ritirare previo pagamento di una commissione al cittadino polacco. Le perquisizioni effettuate sul posto hanno portato al rinvenimento addosso al rumeno una somma di circa 11.000€ provento probabilmente di medesime e ulteriori attivitá illecite.
Sulla scorta degli elementi raccolti, i due sono stati tratti in arresto con l’accusa di tentato riciclaggio in concorso ed associati alla casa circondariale di Cremona.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 88 nuovi contagi e 4 decessi

  • Cronaca

    I parmigiani e il vaccino: aumentano gli scettici

  • Attualità

    Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento