Riciclo pannolini, Folli: "Verificheremo l'opportunità di applicarlo"

Gabriele Folli ha partecipato lunedì ad un importante seminario organizzato da Fater Che si è tenuto nella sala Pirelli della sede della Regione Lombardia. "Nella Provincia di Parma pesa per circa 6.500 tonnellate l'anno"

"Chi l'avrebbe detto? Anche i pannolini possono essere riciclati -si legge in una nota del Comune di Parma. L'assessore all'ambiente Gabriele Folli ha partecipato lunedì ad un importante seminario organizzato da Fater (gruppo Procter&Gamble; produttore di assorbenti igienici con marchi quali Lines, Pampers, Tampax e altri), che si è tenuto nella sala Pirelli della sede della Regione Lombardia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell'occasione sono stati  presentati gli esiti di una sperimentazione e possibili applicazioni concrete per un impianto che sterilizza, e ricicla al 100% le frazioni cellulosiche e plastiche provenienti da raccolte dedicate di pannolini e pannoloni. Ad ulteriore dimostrazione del rilievo dell'iniziativa e della sua validità dal punto di vista scientifico, sono intervenuti per fare gli onori di casa  l'assessore all'ambiente della  Regione Lombardia Claudia Maria Terzi e l'assessore all'ambiente della Provincia di Milano Cristina Stancari".

"Erano presenti anche i tecnici di Iren  - puntualizza l'assessore Gabriele Folli -  a cui ho chiesto personalmente di presenziare per verificare le opportunità di prevedere nel nostro territorio un impianto di riciclaggio di questa frazione, che nella Provincia di Parma pesa per circa 6.500 tonnellate l'anno. Il nuovo modello di raccolta differenziata che stiamo implementando su Parma prevede già la raccolta separata di pannolini e pannoloni, per cui sarebbe relativamente facile deviare questa frazione che attualmente va a smaltimento (con costi elevati per la comunità) sul circuito del riciclo. Oltre che le utenze domestiche potremmo lavorare anche con case di cura, asili ed ospedale per impostare sul nostro territorio una filera virtuosa di recupero dei materiali. Approfondiremo nei prossimi mesi le opportunità di sviluppo insieme ad Iren e Fater."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

  • Lavoratori in nero, camerieri senza mascherina e scarsa igiene: pioggia di multe alla Fiera del Fungo di Borgotaro 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento