Rifiuti abbandonati da via Piave a via Cocconcelli: residenti infuriati

Computer, schermi di tv, mobili, una cucina a gas, solo alcuni dei rifiuti abbandonati. Protestano i residenti di via Piave e i commercianti di Piazzale Picelli

Rifiuti elettronici abbandonati in via Cocconcelli

Materassi, cucina a gas, computer, televisori, finanche a biciclette inutilizzabili, cavi e materiali elettrici. Solo alcuni dei mobili ed elettrodomestici abbandonati nelle ultime settimane, mettendo in evidenza il problema dei rifiuti ingombranti in Oltretorrente, che in particolar modo in alcune zone diventa ancor più sentito, come in via Piave e in via Cocconcelli. Le lamentele di alcuni residenti di via Piave avevano più volte portato all'attenzione la necessità di maggiori controlli Il problema è ben più esteso, perchè riguarda anche altre vie del quartiere, come via Cocconcelli, ultimo caso denunciato da alcuni commercianti.

"Vorrei che passasse qualcuno la sera a multare le persone che lasciano materassi e quant'altro qui davanti. Non è una bella immagine per la mia attività, questo è certo", commenta stizzita una commerciante che ha un negozio a pochi passi dall'incrocio tra via Cocconcelli e Piazzale Picelli. "A volte è capitato che non ci fosse quasi spazio per passare sul marciapiede per quanti rifiuti c'erano. Non va bene, tutti abbiamo mobili o elettrodomestici da buttare, ma se ci mettiamo a fare così diventa un immondezzaio. Se ci sono tre o quattro computer probabilmente potrebbe essere un negozio della zona ad abbandonarli, perchè non trovare il modo di ritracciarli e multarli?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Ecco cosa si può fare da lunedì 11 gennaio a Parma

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento