Differenziata in Otretorrente. Folli: "Forse installeremo telecamere"

Il Comune ha istituito un Tavolo di controllo permanente per intervenire sull'annosa questione dei rifiuti in Oltretorrente. Tra le ipotesi: installare telecamere nelle zone più delicate del quartiere e modificare alla raccolta stessa

La segnalazione di un nostro lettore stamattina, 7 novembre

Il Comune ha istituito un Tavolo di controllo permanente per intervenire sull'annosa questione dei rifiuti in Oltretorrente. Tra le ipotesi: installare telecamere nelle zone più delicate del quartiere e modificare alla raccolta stessa. Di seguito riportiamo il comunicato stampa del Comune. Piazzale Picelli: la segnalazione di un nostro lettore 

"Sulla questione dei furbetti che, senza alcun rispetto, gettano rifiuti in Oltretorrente, ieri è stato istituito il primo Tavolo di Controllo permanente congiunto tra Comune, Iren, Polizia Municipale, Agenti Ambientali e i settori Abusi e Ambiente. Si riunirà ogni settimana con l’obiettivo di riportare equilibrio nel quartiere, come adesso sta avvenendo nel San Lazzaro e nel Centro.
“La situazione dell’Oltretorrente è problematica da anni. Da parte nostra faremo una forte sensibilizzazione per eliminare del tutto la problematica, ma ci saranno anche sanzioni certe per chi non sa rispettare le regole”. A dirlo è l’Assessore all’Ambiente Gabriele Folli all’indomani del tavolo tecnico riunitosi in sala Giunta.
 
Durante l’incontro si è discusso di azioni nel breve termine: “sensibilizzazione” e “provvedimenti sicuri” sono state le principali questioni affrontate. Gli Agenti Ambientali ritorneranno per le strade, al fine di coinvolgere maggiormente e informare gli abitanti sull’organizzazione del porta a porta. “Batteremo maggiormente sull’informazione – ha affermato a margine Folli –  pensando anche ad una vera e propria campagna di responsabilizzazione dei cittadini”. Parallelamente, però, doverosa è la presa di posizione verso chi trasgredisce le regole: “Nei prossimi incontri vaglieremo l’ipotesi di posizionare telecamere nelle zone più delicate – ha continuato -. È un espediente contro chi deturpa e degrada il quartiere, ma è anche un incentivo a rendere le strade più sicure”.

Non solo attività di sensibilizzazione e di sanzione: in corso d’opera si sta valutando anche l’eventualità di modificare qualche aspetto della raccolta stessa: “Premesso che il porta a porta passa per le strade già sette volte a settimana (3 per l’umido, 2 per l’indifferenziato, 1 per la plastica e 1 per la carta), e premesso che il problema rifiuti è precedente, stiamo comunque pensando di irrobustire il già alto livello del servizio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Parma, ipotesi Longo come nuovo Ceo

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento