rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca

Rifiuti speciali lungo il Ceno: sequestrata area di 2 mila metri quadrati

In azione i carabinieri forestali: ecco cosa hanno trovato

Mezzi pesanti, autovetture abbandonati, rottami ferrosi e mezzi derivanti da attività agricola. Rifiuti di ogni tipo abbandonati a 150 metri dal torrente Ceno. I carabinieri forestali hanno eseguito un decreto di sequestro probatorio, emesso dalla Procura della Repubblica di Parma, di un'area demaniale di 2 mila metri quadrati nel comune di Bardi. 

I militari, al termine di alcune indagini, hanno identificato una persona, presunto responsabile dell’abbandono, il quale, nel corso del tempo, avrebbe utilizzato l’area demaniale, prossima al greto del torrente Ceno, come punto di deposito di un ingente quantitativo di rifiuti speciali, tra cui non si esclude possano esservi anche rifiuti potenzialmente pericolosi.

I rifiuti individuati all’interno del sito dai militari e dal personale tecnico di Arpae si presentavano disseminati in maniera caotica sul terreno nudo, alcuni invasi e inglobati nella vegetazione spontanea, il che lasciava desumere che fossero stati abbandonati nell’area ormai da diverso tempo.

Sono stati sequestrati anche tutti i rifiuti rinvenuti sul posto, costituiti da mezzi pesanti, autovetture in stato di abbandono, rottami ferrosi e mezzi derivanti da attività agricola (aratri, seminatrici e cisterne), oltre a materiali di risulta originati da attività edile. Nel caso le ipotesi di reato fossero confermate la persona identificata verrebbe ritenuta responsabile dell’illecita gestione, nonché dell’abbandono di rifiuti speciali. 

Come detto, il luogo sorge all’interno dell’area golenale del torrente Ceno, per cui vanno approfonditi accertamenti finalizzati a verificare eventuali rischi di compromissione delle matrici ambientali, in quanto i cumuli di rifiuti e i mezzi abbandonati sono depositati su un terreno privo di superficie impermeabile, che impedisca fenomeni di percolamento all’interno del suolo e nelle falde acquifere più superficiali.

Inoltre, l’ubicazione ad una distanza inferiore a 150 metri dal greto del torrente rende l’intera area sottoposta a “vincolo paesaggistico”, e un perdurare di tale contesto di degrado e abbandono rischierebbe di determinare un deturpamento delle bellezze naturali del luogo. La presenza di rifiuti a una distanza così ridotta da un corso d’acqua a regime torrentizio rappresenta anche una criticità da un punto di vista idraulico, qualora avvenissero eventi di piena
improvvisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti speciali lungo il Ceno: sequestrata area di 2 mila metri quadrati

ParmaToday è in caricamento