Offerte per il Trattamento Meccanico. Folli: "Risparmi sulle tariffe"

I costi sono compresi tra i 6 e gli 11 milioni di euro: le tre offerte sono arrivate da aziende italiane, britanniche e croate. Costi tra i 60 e i 100-110 euro/tonnellata rispetto ai 170 euro/ton con l'inceneritore

Sono state aperte nel pomeriggio da una commissione di valutazione tecnica del Comune di Parma le tre offerte pervenute tramite la procedura di manifestazione di interesse per il sistema di Trattamento Meccanico Biologico di trattamento del Rur (Rifiuto Urbano Residuo) scaduta il 27 marzo. Le offerte, pervenute da tre raggruppamenti di aziende, hanno mostrato già alla prima analisi - rileva il Comune con una nota - "alcuni elementi di sicuro interesse per il territorio che verranno approfonditi in successivi incontri diretti con i proponenti per orientare ulteriormente le proposte da sottoporre poi successivamente agli organi competenti in materia di pianificazione sui rifiuti (Regione Emilia-Romagna ed Atersir)".

Le tecnologie adottate contemplano sistemi di selezione e trattamento meccanico (vagliatura, triturazione), alla biostabilizzazione e alla digestione anaerobica con bilanci di massa in uscita differenti in funzione delle soluzioni adottate. I costi di investimento sono compresi tra i 6 e gli 11 milioni di euro con taglie di impianto tra le 50.000 e le 70.000 tonnellate/anno e tempi di ritorno dell'investimento tra i 10 e i 15 anni. Tempi di realizzazione delle opere previsti in circa nove mesi e costi di conferimento del Rur per le amministrazioni pubbliche variabili tra i 60 e i 100-110 euro/tonnellata, "con sensibili risparmi rispetto ai costi che si sono prefigurati per l'inceneritore di Ugozzolo, che vedeva alcune proiezioni a 170 euro/ton".

I proponenti, che vantano una cospicua serie di realizzazioni già operative, vedono tre associazioni temporanee di impresa composte da aziende italiane, britanniche e croate, "a dimostrazione - sottolinea il Comune - che per questo tipo di attività vi è un forte interesse da parte del mondo imprenditoriale ad investire su attività di gestione rifiuti ambientalmente sostenibili". "Nei prossimi giorni - ha detto l'assessore all'Ambiente Gabriele Folli - le aziende verranno chiamate ad una discussione competitiva finalizzata a migliorare e rendere comparabile il contenuto delle proposte e soddisfare così gli orientamenti del Comune di Parma per un risultato ambientalmente ed economicamente sostenibile, secondo quella che è la nostra strategia di gestione del rifiuti urbani".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento