Rifondazione Comunista: "Parteciperemo allo sciopero generale del 6 settembre"

Nota del Prc di Parma sulla mobilitazione indetta dalla Cgil

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Martedì 6 settembre parteciperemo, in massa, allo sciopero generale ed alle manifestazioni indette dalla CGIL e dai sindacati di base. Lo sciopero deve servire non solo a fermare la manovra del governo Berlusconi, a sconfiggere e ribaltarne le politiche liberiste, modificando radicalmente i contenuti della manovra, a partire dalla patrimoniale, dal dimezzamento delle spese militari e dalla cancellazione di opere inutili e dannose come la Tav in Val di Susa e il ponte sullo Stretto di Messina. Per uscire dalla crisi è necessario mettere infatti al centro la giustizia sociale, il rilancio dei salari e delle pensioni, la difesa dei diritti, della scuola, dei servizi sociali e della sanità. Lo sciopero generale serve a questo. Ed è indispensabile il ritiro della firma sul vergognoso accordo del 28 giugno su contrattazione e rappresentanza. E' perciò fondamentale la crescita del conflitto sociale e delle lotte. Perciò lo sciopero generale del 6 deve essere l'inizio di una mobilitazione permanente, che veda lavoratori, disoccupati, studenti e pensionati lottare tutti insieme per un unico obiettivo: il cambiamento dello stato di cose esistenti

Paola Varesi – segretaria provinciale
Francesco Samuele – segreteria provinciale

responsabile lavoro – welfare - economia

Torna su
ParmaToday è in caricamento