Università, interviene la polizia. Casa Pound denuncia "Aggrediti"

Ieri la polizia è intervenuta per un episodio che ha visto coinvolti alcuni giovani. Blocco Studentesco denuncia l'aggressione, il Comitato Montanara risponde: "Facciano i nomi". In consiglio solidarietà a Casa Pound da Buzzi e Bosi dei 5 Stelle

Facoltà di Economia in via Kennedy. Ieri nel tardo pomeriggio la polizia è intervenuta per un episodio che ha visto coinvolti alcuni giovani di opposti schieramenti che erano in attesa dei risultati delle elezioni studentesche. Ancora da chiarire i contorni della vicenda. Intanto Casa Pound Parma denuncia, in una nota inviata alla stampa ieri sera, che "esponenti del comitato antifascista Montanara, armati di mazze e catene, hanno aggredito quattro militanti del Blocco Studentesco che si trovavano all’interno dell’ateneo di Parma".

Il comitato antifascista Montanara replica alle accuse di Casa Pound: "Visto che il comitato Montanara è stato accusato di essere presente a questo scontro, se hanno degli elementi per affermarlo dicano i nomi e cognomi dei membri presenti e poi vedremo. Questa è diffamazione a mezzo stampa". Intanto anche Massimiliano Bonu del Pdl in un post su twitter scrive: "Aggressione autonomi contro CP (Casa Pound ndr) all'Università di Parma. Le cattive maestre producono un clima di giustificazione per picchiatori Rossi".

CONSIGLIO COMUNALE. L'episodio è stato oggetto di discussione anche all'interno della seduta di oggi del consiglio comunale di Parma con la solidarietà alle presunte aggressioni agli studenti dal Pdl e dal Movimento 5 Stelle. "Voglio stigmatizzare quanto successo perché la nostra città non si riconosce in questo genere di cose - ha sottolineato il consigliere Pdl Paolo Buzzi - Mi auguro che tutto il consiglio voglia condannare sempre e comunque la violenza, da qualunque parte provenga". "Noi tutti abbiamo approvato una mozione dove si diceva che il Comune non avrebbe più dato alcuno spazio alle associazioni che fanno uso della violenza - ha aggiunto Marco Bosi, capogruppo 5 Stelle - La violenza deve essere sempre condannata da qualunque parte essa provenga".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

AGGIORNAMENTI. La polizia sta indagando per risalire alle identità delle persone che avrebbero aggredito altri giovani. "Non ci aspettiamo che partano attestati di solidarietà da parte della politica locale o richieste di scioglimento dei comitati antifascisti da parte del sindaco - dichiara oggi in una nota Stefano Virgili , responsabile regionale di Blocco Studentesco Emilia-Romagna - come invece sempre avviene nei nostri confronti anche solo per uno striscione. Nonostante tutto però noi andremo avanti comunque e continueremo a fare politica nelle scuole superiori e nelle università, consapevoli che questa è la strada giusta e che noi siamo la vera alternativa studentesca a chi fa della violenza fisica in tanti contro pochi il suo unico strumento di proposta politica negli atenei e nelle superiori

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento