Rivolta nel carcere di via Burla: i detenuti non tornano nelle celle

La protesta è scoppiata nel pomeriggio di domenica e si è protratta per diverse ore: alta tensione dei detenuti della Media Sicurezza con la Polizia Penitenziaria. Alla base la richiesta del regime di celle aperte

Dopo l'ora d'aria si sono rifiutati di far ritorno in sezione, all'interno delle proprie celle. E' questa la base della rivolta andata in scena domenica pomeriggio 27 agosto all'interno del carcere parmigiano di via Burla. In particolare, secondo le prime ricostruzioni, i protagonisti della protesta sarebbero stati i detenuti del lato B della Media Sicurezza. Dopo l'uscita, prevista come ogni giorno, i detenuti hanno deciso di protestare contro il cibo che viene servito presso il penitenziario cittadino. La protesta però aveva come principale obiettivo la richiesta di ottenere il regime di 'celle aperte' come avviene in altre sezioni, dove i detenuti possono muoversi per più ore e dove hanno a disposizione spazi molto più ampi. In seguito al gesto dei detenuti si sono registati momenti di tensione con gli agenti di Polizia Penitenziaria. Dopo diverse ore la situazione è tornata alla normalità e la protesta si è conclusa. 

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino: cosa fare

  • Bere alcolici fa male: il vero sballo è dire no

  • Come pulire e igienizzarei bidoni della spazzatura

  • I 10 elementi che devono essere conservati fuori dal frigorifero

I più letti della settimana

  • Tragico schianto in moto contro l'ambulanza, il fidanzato muore: 27enne di Parma in prognosi riservata

  • Tragedia a Colorno: ciclista 54enne cade sull'Asolana e muore

  • Paura per due sorelle di 13 e 12 anni, escono di casa e non rientrano per la notte: trovate dalla polizia

  • Fidenza, consulente finanziaria accusata di irregolarità: blitz della Finanza

  • I banditi assaltano nella notte una villa di Sorbolo, bottino di migliaia di euro: rubate pistole e fucili

  • Cantano e suonano davanti al Teatro Regio, due giovani denunciati: chitarre sequestrate

Torna su
ParmaToday è in caricamento