Rivolta nel carcere di via Burla: i detenuti non tornano nelle celle

La protesta è scoppiata nel pomeriggio di domenica e si è protratta per diverse ore: alta tensione dei detenuti della Media Sicurezza con la Polizia Penitenziaria. Alla base la richiesta del regime di celle aperte

Dopo l'ora d'aria si sono rifiutati di far ritorno in sezione, all'interno delle proprie celle. E' questa la base della rivolta andata in scena domenica pomeriggio 27 agosto all'interno del carcere parmigiano di via Burla. In particolare, secondo le prime ricostruzioni, i protagonisti della protesta sarebbero stati i detenuti del lato B della Media Sicurezza. Dopo l'uscita, prevista come ogni giorno, i detenuti hanno deciso di protestare contro il cibo che viene servito presso il penitenziario cittadino. La protesta però aveva come principale obiettivo la richiesta di ottenere il regime di 'celle aperte' come avviene in altre sezioni, dove i detenuti possono muoversi per più ore e dove hanno a disposizione spazi molto più ampi. In seguito al gesto dei detenuti si sono registati momenti di tensione con gli agenti di Polizia Penitenziaria. Dopo diverse ore la situazione è tornata alla normalità e la protesta si è conclusa. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente a Castione Marchesi: muore un bimbo di tre anni

  • Aeroporto, gli industriali ci mettono 8.5 milioni di euro: ecco i nuovi voli

  • "La Pianura Padana è una camera a gas"

  • Morte del piccolo Aurelio: "Il quartiere è dilaniato dal dolore e si stringe intorno ai genitori"

  • Trova una ladra in camera da letto, la blocca e la fa arrestare: 26enne serba in carcere

  • Aeroporto, il presidente di Sogeap: "Ecco quali saranno le nuove tratte"

Torna su
ParmaToday è in caricamento