Rubano l'argenteria e la vendono al 'compro oro': arrestati due domestici

Una coppia di domestici filippini sono finiti in manette dopo aver trafugato dalla casa in cui avevano lavorato 15 pezzi d'argenteria. Denuncia della proprietaria insospettita dall'assenza di scasso

Polizia

Due domestici di origini filippine sono stati arrestati dagli uomini della Questura dopo la denuncia di una donna che aveva trovato la credenza svuotata di quindici pezzi d'argenteria per un peso di circa tre chili del metallo prezioso. La signora aveva sospettato dei due perchè l'appartamento non presentava segni di scasso. I domestici filippini hanno confessato di aver venduto la refurtiva a un 'compro oro' di Parma: sono stati quindi arrestati, mentre il titolare del negozio è stato indagato per ricettazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento