Rubano la targa di un agente della polizia locale per commettere furti: arrestati due moldavi di Parma

Sono stati fermati nel bergamasco dopo aver colpito in tre aziende

Per non essere rintracciati dalle forze dell’ordine mentre ripulivano le aziende nel Nord Italia, hanno ben pensato di rubare le targhe di un’autovettura per sostituirle alla loro, anch’essa rubata. Peccato che hanno preso di mira “la persona sbagliata”: un agente della polizia Locale di Alseno. Due moldavi, residenti a Parma, componenti di una banda di ladri sono stati fermati ed arrestati nei giorni scorsi a Bergamo mentre mettevano a segno l’ennesimo furto, grazie anche alla collaborazione delle forze dell’ordine piacentine, oltre a quelle bergamasche.

Ma andiamo con ordine. È la notte tra sabato 19 e domenica 20 ottobre quando a Chiaravalle, vengono rubate le targhe dall’auto dell’agente in servizio ad Alseno. «Me ne sono accorto la mattina seguente e così l’ho inserita nel sistema di lettura targhe gestito dalla polizia Locale dell’Unione Valnure-Valchero, oltre ad aver avvisato i carabinieri di Fiorenzuola e quelli di Fidenza, i territori limitrofi insomma». È trascorsa solo qualche ora e l’auto viene ripresa in entrata al casello della A1 di Fidenza e così è stata allertata la polizia autostradale di competenza che ha tenuto monitorati tutti gli spostamenti. Con quell’auto, insieme ad altri complici, in tutto pare fossero sei, sono arrivati a Bergamo con l’intento di fare piazza pulita in alcuni capannoni nella zona di Bolgare.

Sono entrati in azione nella notte tra lunedì 21 e martedì 22 ottobre: prima in una e poi in altre due aziende del comprensorio industriale. Gli allarmi però, hanno avvisato le centrali dei carabinieri e dei metronotte che in forze si sono portati sul posto, non prima di aver diramato la segnalazione ai colleghi della polizia autostradale di Seriate. Sono stati i poliziotti a notare in una piazzola di sosta due auto parcheggiate con nelle vicinanze sei persone che alla vista della pattuglia si danno alla fuga. Dopo un rocambolesco inseguimento due sono stati bloccati e perquisiti. Gli altri, invece, si sono dati alla fuga. I fermati sono due moldavi di 30 e 36 anni residenti a Parma. Una volta fermati sono stati perquisiti: con sé avevano arnesi da scasso, una bicicletta dal valore di seimila euro, sedici computer, quattro dei quali prelevati nelle ditte della zona; oltre a una trentina di grammi di droga. Le auto con le quali viaggiavano, una Golf e una Audi ‘A6’ sono risultate entrambe rubate. Ora si trovano in carcere a Bergamo come disposto dal Giudice. Processo rinviato al tre dicembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento