Rubbiano, la posizione di Laterlite: "Aperti a un dialogo serio"

Rubbiano. Dopo le proteste del Comitato Rubbiano per la Vita contro l'azienda Laterlite pubblichiamo una nota di Laterlite spa: "Le nostre performance ambientali sono monitorate a vari livelli"

Rubbiano. Dopo le proteste del Comitato Rubbiano per la Vita contro l'azienda Laterlite pubblichiamo una nota di Laterlite spa.
 

TUTTE LE PROTESTE DEL COMITATO RUBBIANO PER LA VITA
 

IL COMUNICATO DI LATERLITE SPA

La nostra azienda è una realtà produttiva del territorio della Provincia di Parma, conosciuta e frequentata, in quasi cinquant’anni di storia, da migliaia di persone. Laterlite produce argilla espansa, un prodotto utilizzato nell’edilizia e non solo, già di per sé a forte vocazione ambientale perché utilizzato per isolare e ridurre il consumo energetico delle costruzioni. Siamo persone che credono fortemente nei valori sociali come il lavoro, l’impegno per il territorio, l’innovazione, l’attenzione ai bisogni della persona e chiediamo lo stesso impegno ai nostri lavoratori e alle aziende fornitrici e clienti, che collaborano alla nostra strategia di sostenibilità.

Le politiche di tutela ambientale insite nel prodotto che realizziamo, accompagnano da sempre il nostro percorso. Non ci siamo mai accontentati di rispettare le normative vigenti, nazionali ed europee, ma abbiamo sempre lavorato al miglioramento continuo delle prestazioni ambientali, fino a rendere il nostro stabilimento di Rubbiano di Solignano un impianto con le prestazioni emissive tra le migliori dei 25 impianti europei di argilla espansa.
L’attività di coincenerimento di olii non rigenerabili con recupero di energia, in linea con la Comunità Europea che nella sua ultima Direttiva pone il riutilizzo ed il recupero in modo prioritario rispetto allo smaltimento, favorisce il risparmio di combustibili fossili e di risorse non rinnovabili ed è sottoposto a vincoli emissivi molto inferiori rispetto all’esercizio degli impianti con combustibili tradizionali.

Le performance ambientali sono monitorate, oltre che dall’azienda stessa, a vari livelli da ARPA (monitoraggio emissioni), medico competente (studi sanitari sui lavoratori), Provincia di Parma (autorizzazioni), ma anche dal Ministero dell’Ambiente (emission trading), dalla Comunità Europea (BAT-BREF) e da enti di certificazione indipendenti internazionali (ICMQ per UN EN ISO 14001).

In questi mesi siamo stati oggetto di un attacco da parte di un Comitato del territorio che, fornendo spesso dati inesatti e non significativi, ha avviato una battaglia mediatica e diffamatoria nei confronti della nostra azienda e dunque di tutte le centinaia di persone che collaborano con noi a tutti i livelli.
Abbiamo sempre risposto con estrema trasparenza alle richieste dei cittadini, attraverso dati oggettivi che certificano in modo concreto la nostra politica di sostenibilità, ma vogliamo fare ancora di più: abbiamo da mesi dato la nostra piena disponibilità a riavviare i lavori di un Osservatorio Ambientale che coinvolge tutti gli enti del territorio e il Comitato stesso in sedute pubbliche, in modo da dialogare con i cittadini e tutta quella maggioranza silenziosa che non conosce il lavoro fatto in questi anni e la qualità delle nostre performance ambientali.

Siamo sereni rispetto a questa vicenda, siamo controllati in modo scientifico e costante, ma riteniamo intollerabile questa violenza mediatica con cui il Comitato preoccupa i cittadini. Laterlite resta come sempre aperta a un dialogo serio e costruttivo con Enti di controllo, Comitati, singoli cittadini o chiunque ci chieda informazioni sul lavoro che svolgiamo in modo puntuale e responsabile, ma non possiamo più permettere che si getti fango e si spaventino deliberatamente le persone utilizzando il nostro nome.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Viola il coprifuoco per andare a trovare la fidanzata: giovane multato per 400 euro

  • Parma scongiura la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento