menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tragedia a Sala Baganza: uccide la moglie paraplegica, poi si spara

Pietro Amighetti di 63 anni, notaio in pensione, si è tolto la vita dopo aver ammazzato con un colpo di fucile Simonetta Moisè, da 25 anni costretta su una sedia a rotelle dopo un incidente

Pietro Amighetti, di 63 anni, originario e residente a Sala Baganza ha ucciso con un colpo di pistola alla testa sua moglie Simonetta Moisé, 56 anni e subito dopo si è ucciso tirandosi un colpo alla tempia. Questa, per il momento, è la ricostruzione dell'omicidio-suicidio avvenuto probabilmente a causa di un lunghissimo disagio familiare. Pietro Amighetti era molto noto a Parma: la sua passione per il viaggio lo aveva portato a fondare e dirigere per molto tempo la rivista 'Trekking'.


Simonetta Moisé di 56 anni, infatti, era costretta sulla sedia a rotelle da almeno 25 anni a causa di un errore dei soccorsi a sguito di un incidente Suo marito Pietro se ne era sempre preso cura. Fino a ieri sera, quando la criticità della situazione, probabilmente aggravata da fattori ancora ignoti, è deflagrata nella decisione di porre fine alla vita di entrambi. La notizia è stata comunicata ai Carabinieri del paese pedemontano dai familiari delle vittime. I vicini di casa della famiglia Amighetti hanno sentito, circa alle 19.30 di ieri, due colpi di pistola, sparati a breve tempo di distanza l'uno dall'altro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento