menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terme Baistrocchi, un membro del Cda in conflitto d'interesse?

Un consigliere del consorzio di Salsomaggiore sarebbe anche presidente del Collegio dei revisori dei conti di Forst di Federterme, in causa legale con il primo. L'interrogazione di Villani

Consorzio Terme il Baistrocchi. Dopo la bufera sulle assunzioni facili nuove polemiche per la struttura. In giugno si è appreso che il presidente Barral vicesindaco di Salsomaggiore assunto al centro termale Baistrocchi senza concorso
Roberto Milani, insieme ai membri del consiglio d'amministrazione, Raffaele Pizzati, Emilio De Vincentiis ed Enrico Veneziani erano stati rinviati a giudizio per abuso d'ufficio per l'assunzione del vicesindaco di Salsomaggiore
Umberto Barral. Il processo inizierà il 5 ottobre. Poi le polemiche durante il Consiglio comunale del 12 luglio. Ora nuovi problemi in vista.

Sarebbe contemporaneamente membro in carica del consiglio d’amministrazione del consorzio “Centro termale il Baistrocchi” di Salsomaggiore Terme e presidente del Collegio dei revisori dei conti di Forst, la fondazione di ricerca di Federterme, ma se così fosse esisterebbe un conflitto di interesse tra le due cariche visto e considerato che “Federterme è associata a Terme Salsomaggiore e Tabiano spa nella causa legale, avanti alla Corte di Appello di Bologna e in Cassazione,” che contrappone Federterme al citato Consorzio a proposito dell’utilizzo e la fornitura di acqua termale.

A sollevare la questione, in un’interrogazione alla Giunta regionale, è Luigi Giuseppe Villani (Pdl). Il consigliere chiede se corrisponde al vero che uno dei membri in carica del consiglio d’amministrazione del consorzio “Centro termale il Baistrocchi” di Salsomaggiore Terme è tutt’ora presidente del Collegio dei revisori dei conti di FoRst e, nel caso di risposta positiva, vuole sapere se l’esecutivo regionale non ritenga che esista un conflitto di interesse ed ineleggibilità nella figura del consigliere di Cda del Consorzio e la carica di revisore dei conti di Forst, nominato dal consiglio d’amministrazione della stessa fondazione che a sua volta è nominato da Federterme.

Villani fa presente che il componente del consiglio di amministrazione del Consorzio termale il Baistrocchi, oggetto della sua interrogazione, non si sarebbe astenuto dall’intervenire in sede di trattazione della vertenza citata in seno allo stesso Cda del consorzio, ma anzi avrebbe “operato per ottenere condizioni favorevoli alla parte in causa diverse dal consorzio stesso”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino a venerdì 5 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento