San Secondo, tentano la rapina al kebab: arrestati 3 tunisini

Sono stati arrestati i tre tunisini che la notte del 28 agosto hanno tentato di derubare un Kebab a San Secondo Parmense. Erano le 2.15 quando il proprietario del locale "Mr Kebab" si è trovato solo con i malviventi che lo hanno aggredito

Sono stati arrestati i tre tunisini che la notte del 28 agosto hanno tentato di derubare un Kebab a San Secondo Parmense. Quella sera intorno alle 2.15 il proprietario del locale "Mr Kebab" -  S.A. 35enne indiano perfettamente integrato nella comunità -  stava attendendo che gli ultimi clienti uscissero per poter chiudere il negozio. In realtà, tra quei clienti che si intrattenevano ancora nel locale, c'erano i tre malviventi che indugiavano per rimanere soli con il gestore e mettere in atto la loro rapina.

Così quando il locale si è svuotato i tre hanno agito e due di loro si sono subito avventati su S.A. minacciandolo con un coltello di consegnare l'incasso: meno di 200 euro che il proprietario aveva messo in tasca. Ma il rifiuto dell'uomo che voleva difendere il guadagno della giornata e la sua resistenza hanno scatenato la lite e il 35enne indiano è stato colpito ripetutamente. Dopo il fallimento del primo tentativo di fuga, però, S.A. è riuscito nuovamente a liberarsi dalla morsa dei due malviventi e a scappare in direzione di via Garibaldi dove fortunatamente ha trovato riparo in una pizzeria che era ancora aperta.

A quel punto è scattata la telefonata al 112 e i militari di San Secondo e Roccabianca giunti sul posto tempestivamente sono riusciti a intercettare i tre rapinatori in via Repubblica. I malviventi avevano ancora il coltello sporco di sangue con cui era stato minacciato e ferito lievemente ad una mano il proprietario del Kebab, inoltre avevano rubato anche una calcolatrice.

S.A. dopo aver ricevuto le cure necessarie per le contusioni alla testa, al torace e alla mano riportate nel corso della colluttazione, ha riconosciuto i suoi aggressori che sono stati arrestati per rapina aggravata. Si tratta di G.R. tunisino di 38 anni, domiciliato in Parma, disoccupato pregiudicato per rapina;
A.K. tunisino residente a San Secondo Parmense, operaio, anche lui con precedenti per rapina e lesioni personali; G.Y tunisino di 33 anni, fratello del primo, incensurato, residente a Fiorenzuola D’Arda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 30 agosto il Gip di Parma ha convalidato l’arresto e disposto la custodia in carcere per i primi due, mentre al terzo è stata concessa la scarcerazione con obbligo di firma, in ragione del ruolo minore avuto nel corso della rapina e del suo stato di incensurato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

  • I rinforzi di Liverani, le trattative, la linea Krause: sullo sfondo il derby

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento