menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanatoria 2012: dal 15 settembre un mese per regolarizzare i lavoratori

Prefettura e Questura saranno impegnate nel grosso lavoro di ricevimento delle domande che potranno essere presentate dai datori di lavoro pagando 1.000 euro e 6 mesi di contributi

Sanatoria 2012. Dal 15 settembre al 15 ottobre i datori di lavoro che impiegano lavoratori irregolari sul territorio italiano possono regolarizzare i rapporti di lavoro, pagando una quota dovuta allo Stato. Dopo aver pagato e legalizzato i contratto al lavoratore immigrato sarà riconosciuto il permesso di soggiorno. Una sorta di sanatoria che riguarderà tutti i settori lavorativi, a differenza di quella del 2009 riservata a colf e badanti. La tassa da pagare sarà di 1.000 euro più gli ultimi sei mesi di contributi che il datore di lavoro avrebbero dovuto versare allo Stato. Il Ministro Riccardi parla di 150mila regolarizzazioni.


Le associazioni di molti meno, circa 3 o 4 mila. Gli irregolari devono dimostrare di essere in Italia dal 31 dicembre 2011 ed avere lo stesso impiego da tre mesi. Non può chiedere la regolarizzazione chi è stato colpito da un provvedimento di espulsione ma non se a farlo sono state le autorità italiane. Per partecipare alla regolarizzazione bisognerà anche rispettare i limiti reddituali. In caso di persona fisica, ente o società, il reddito imponibile o del fatturato risultante dall'ultima dichiarazione dei redditi o dal bilancio di esercizio precedente non deve essere inferiore ai 30mila euro annui. Solamente nel caso in cui si tratta di colf o badanti, il reddito dovrà essere almeno di 20mila euro annui, di 27mila quando invece si tratta di nucleo famigliare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino a venerdì 5 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento